Caran d’Ache Shiva, tributo alla divinità suprema

Edizione limitata di stilografiche di lusso e roller decorata da pietre preziose

Caran d’Ache omaggia il dio Shiva, personificazione dell’Assoluto nella religione induista, con una preziosa edizione limitata di 108 stilografiche e 55 roller.

La divinità assume svariate forme e raffigurazioni, che sono incise sul corpo e sul cappuccio (realizzati entrambi in argento massiccio 800) della penna. Il suo terzo occhio è raffigurato sul corpo della penna, insieme a Shiva Nataraja, una raffigurazione della divinità nelle vesti di danzatore cosmico che si muove al ritmo del suo strumento preferito, il damaru, un tamburo a sonagli con il corpo a forma di clessidra. Sempre sul corpo della Shiva Limited Edition si trova inciso il tridente Trishula che simboleggia le tre funzioni della Trimurti: creazione (il dio Brama), preservazione (il dio Visnu) e distruzione (il dio Shiva). Questa incisione è impreziosita da un diamante da 0,04 carati Top Wesselton VVS.

Il cappuccio è coronato da un’agata tagliata a cabochon, di 8,5mm di diametro, dal colore blu intenso. La purezza di questa pietra preziosa la rende quasi trasparente, lasciando intravedere il monogramma di Caran d’Ache inciso sul suo fondo.

Il numero delle stilografiche di questa Limited Edition, 108, è il numero chiave della tradizione indiana, mentre il numero delle penne roller, 55, riassume il principio della vita Hindu.

Sull’anello è inciso il numero progressivo della Limited Edition e la firma di Edouard Jud, il maestro orafo ginevrino che cura personalmente la realizzazione a mano di ogni esemplare.

La stilografica può essere utilizzata sia con cartucce che con inchiostro liquido e il pennino, placcato oro a 18 kt, è disponibile nella misura M, ma può essere ordinato anche nelle misure F o B.

Written by Redazione

Il confort si fa jet

Victoria Beckham star per Emporio Armani