Cara Delevingne e Orlando Bloom in Carnival Row: eccelsi

Una nuova produzione dai toni fantasy e dark, in cui si stratificano diversi temi e riferimenti attuali

Ha fatto il suo debutto il 30 agosto su Amazon Prime Video Carnival Row, una nuova produzione originale dai toni fantasy e dark, ma in cui si stratificano diversi temi e riferimenti attuali. A guidare questa ambiziosa serie tv, sono due attori del calibro di Orlando Bloom e Cara Delevingne. Serie ambientata in una specie di età vittoriana dagli aspetti magici. Quali sono stati gli aspetti più interessanti ma soprattutto i risvolti più attuali di una storia come questa? Partendo da presupposti fantastici ha molto da dire sulla società poco empatica in cui viviamo oggi.

La guerra nelle terre dei fae

Per capirlo meglio è bene sapere che la trama parte raccontando della guerra che i vari regni degli uomini hanno condotto nelle terre dei fae. Ovvero le terre delle creature magiche (fata alate, simil-satiri con corna e zoccoli e molti altri), subito dopo averle scoperte. Quando però la repubblica del Borgo, da sempre alleata con gli esseri fatati, si ritira dal conflitto accade un evento di forte attualità. Così facendo, e lasciandoli in balia della violenta rappresaglia del Patto, si trova al contempo a dover ospitare la crescente immigrazione proveniente da quelle stesse terre magiche. La disperata popolazione locale, infatti, fugge in massa verso il Borgo, dove accetta i lavori più umili (camerieri, macellai, spesso le prostitute). Affrontando anche il crescente razzismo degli umani che li vedono come una minaccia.

Orlando Bloom spiega l’amore

Fra naufragi con centinaia di vittime e movimenti reazionari che cercano di riportare la purezza in città, gli echi dell’attualità si fanno pressanti e sinistri. «In Carnival Row si parla molto di paura, paura della diversità e del convivere con l’altro. Soprattutto di come la paura viene presentata, come ci viene piombata addosso. L’idea che ci siano persone buone e persone cattive, che se qualcuno viene dall’esterno a casa nostra ci porterà via tutto, ci violenterà». Racconta Orlando Bloom che poi fa riferimento al suo personaggio, il detective Rycroft Philostrate. Personaggio che avendo anche combattuto al di là del mare, sente di dover proteggere i fae. «Phylo è un uomo con un segreto e che propria per via di questo riesce a essere empatico con chi è diverso da lui. Mi sono concentrato in particolare sul fatto che lui sia un uomo che cerca di fare la cosa più giusta, anche se è pieno di conflitti e ha un passato doloroso», aggiunge. «È una specie di eroe, di quelli che ci servono al giorno d’oggi quando si capisce quanto sia facile rifiutare l’odio e abbracciare invece l’amore». Al giorno d’oggi dovremmo essere tutti un po’ Rycroft Philostrate.

I capelli di Cara Delevingne sono pazzeschi e nessuno può negarlo

Avatar

Scritto da Erika Barone

Valentina Sampaio è il nuovo volto della storica Borsalino

Giulia De Lellis racconta in un libro il tradimento di Andrea Damante