Cappelli a primavera

La Primavera-Estate 2008 sfoggia copri capo come opere d’arte

Confermata la passione per i cappelli d’autore anche per la Primavera-Estate 2008.
Copri capo come sculture, preziosi, scintillanti, ricamati, rievocazioni di tempi lontani, esclusivi e innovativi.

I grandi stilisti si sono sbizzarriti nel creare modelli adatti per ogni gusto, difficili da portare ma detentori di racconti affascinanti di stile.
John Galliano ricorda gli anni ‘30 e ‘40 con i piccoli cappellini con la veletta fino al casco paillettato che ci proietta nel futuro. Jean Paul Gaultier lo vuole da pirata, Marc by Marc Jacobs decisamente fuori misura, Marni ricorda le cuffie con i fiori degli anni ‘50.
Alexander Mc Queen omaggia la natura, con farfalle, piume e anche con veri capolavori di design, anche Oscar de la Renta punta sullo stile etnico e naturale, Proenza Shouler mette tutte sugli attenti con i copricapo di ispirazione militare, mentre Ralph Lauren propone il tipico cappello da Polo in chiave femminile e tube di ispirazione maschile. Si finisce con Rodarte che interpreta gli anni ‘70 con cappelli a tesa larga e morbida.
Insomma, la parola d’ordine è senza ombra di dubbio personalità.

Fashionblog

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Madonna con l’Hi Hotel di Nizza

In vacanza con l’ aereo privato