Capelli primavera estate 2012

Redazione
20/10/2011

I capelli per la primavera estate 2012 sono adatti a una donna chic e romantica, con look sobri e raccolti semplici e rilassati. Il re è lo chignon in tutte le sue declinazioni

Capelli primavera estate 2012

Eleganza e romanticismo
Come accade per il make up, le tendenze per acconciature e capelli per la primavera estate 2012, prevedono una donna chic e romantica, con look sobri e raccolti semplici e rilassati, come abbiamo potuto ammirare alle ultime sfilate.

Re delle passerelle è stato lo chignon, come quello realizzato da Gianluigi Gargaro di Aldo Coppola per 1a Classe Alviero Martini, morbido e spettinato, molto femminile.
Un’altra declinazione è quella di Eugene Souleiman, Global Creative Director Wella Professionals, per Missoni: un’impeccabile riga su un lato ordina i capelli, morbidamente portati all’indietro sopra le orecchie e scolpiti in uno chignon curatissimo e destrutturato per creare un effetto un po’ scarmigliato.

Non può mancare la coda, declinata in diversi stili.
Mood spaziale-futurista ideato Stefano Lorenzi di Aldo Coppola per L’Oreal Professionnel alla sfilata di Krizia con un tocco chic e tecnologico dato dall’applicazione delle foglie d’oro Aldo Coppola.
Futurista quella di Bumbleandbumble per Custo Barcelona con capelli lisci lucidissimi e scriminatura netta.
Da Carolina Herrera, Orlando Pita per Orlo Salon, ha realizzato con i prodotti  Moroccanoil una raffinata coda di cavallo girata su se stessa. E’ stata modellata in una forma triangolare, avvolgendola sulla nuca per bilanciarla. I capelli sono stati separati al centro con leggere, morbide ciocche che ricadevano in modo naturale sopra le orecchie.

Resistono ancora le trecce, di moda questa primavera estate.
Malcolm Edwards
per Moroccanoil alla sfilata di Just Cavalli ha lasciato i capelli morbidi e naturali, intrecciati ai lati per poi ricadere dolcemente sciolti sulla schiena. Più scultorea la declinazione di Eugene Souleiman per Antonio Marras, che ha lavorato sui capelli per ottenere un effetto simile al tessuto, avvolgendoli ordinatamente attorno al capo per rendere una lucentezza liscia come il vinile, e poi incoronare la testa con una treccia a corda simile a una tiara.

Per chi proprio non può fare a meno di un’acconciatura strutturata può prendere ispirazione dalla sfilata di Badgley Mischka. Peter Gray per Moroccanoil si è ispirato a Boccioni creando delle spettacolari e voluminose pettinature. Il look è realizzato con una luminosa cascata di riccioli ondeggianti in una forma a triangolo, fermati sopra una base morbida ma definita di un audace torchon alla francese.
Più contemporaneo lo stile di Byblos ideato da Alessandro Gesuita di Aldo Coppola per L’Oreal Professionnel, pulita e rigorosa, con una coda di cavallo alta e un ciuffo lungo dalla sagoma geometrica nella parte opposta della testa.

I capelli sciolti sono disciplinati in romantiche onde, come da Blugirl, o sono lisci accompagnati dietro le orecchie, nei mood eleganti di Elie Saab e Celine o ordinati con il gel di Giambattista Valli.