Burberry, il lusso sposa l’ambiente: il brand sarà ‘climate positive’ entro il 2040

Burberry ha stretto una partnership con il gruppo ambientale PUR Project per stabilire e implementare pratiche di agricoltura rigenerativa

Burberry si è impegnata a diventare ‘climate positive’ entro il 2040 attraverso un nuovo obiettivo per ridurre le emissioni lungo la sua catena di approvvigionamento estesa del 46% entro il 2030, una mossa che va oltre l’attuale obiettivo di zero netto. “Il brand è stato costruito sul desiderio di esplorare la natura e i grandi spazi aperti e sono rimasti la nostra ispirazione per più di 150 anni”, ha affermato l’amministratore delegato di Burberry, Marco Gobbetti.

Burberry, il lusso sposa l’ambiente

“Attingendo a questa eredità di esplorazione e guidati dal nostro spirito creativo, oggi fissiamo una nuova audace ambizione: diventare positivi per il clima entro il 2040. Come azienda, siamo uniti dalla nostra passione per essere una forza per il bene nel mondo . Rafforzando il nostro impegno per la sostenibilità, stiamo andando oltre nell’aiutare a proteggere il nostro pianeta per le generazioni a venire”. Nel 2019, Burberry ha fissato un obiettivo scientifico allineato alla traiettoria di 1,5°C dell’accordo di Parigi. Così l’azienda si è impegnata a ridurre le sue emissioni operative del 95% entro il 2022. L’azienda ha rivelato che è sulla buona strada per rispettare questo impegno, che è monitorato una base del 2016.

Tale obiettivo prevedeva anche l’ambizione di ridurre le emissioni (indirette) di Scope 3 del 30% entro il 2030, che ora è stata ampliata al 46%. L’anno scorso, Burberry ha introdotto un “fondo di rigenerazione” per supportare un nuovo portafoglio di “progetti di inquinamento del carbonio” e progetti di rimozione del carbonio. Essi mirano a fornire pratiche agricole rigenerative lungo la sua catena di approvvigionamento.

Il brand sarà ‘climate positive’ entro il 2040

Il fondo specificato è stato istituito per investire in progetti di carbon insetting. L’insetting, al contrario della compensazione, si basa su progetti di piantagione di alberi o pratiche di agricoltura rigenerativa. Tutte svolte direttamente all’interno della catena di fornitura di un’azienda. Oltre a funzionare come una forma di cattura del carbonio, i progetti di insetting di Burberry lavoreranno con le comunità lungo la catena di approvvigionamento per migliorare la resilienza climatica. Ma anche promuovere la biodiversità, ripristinare gli ecosistemi e sostenere i mezzi di sussistenza dei produttori locali.

Burberry ha stretto una partnership con il gruppo ambientale PUR Project. Ha stabilito e implementato pratiche di agricoltura rigenerativa con i produttori di lana in Australia. I progetti si concentreranno sulla formazione a livello di azienda agricola per migliorare la cattura del carbonio nei suoli. Ma anche migliorare lo spartiacque e la salute del suolo, ridurre la salinità delle zone aride e promuovere habitat con biodiversità.

Ferrari entra a far parte della moda di lusso: la sua prima collezione by Rocco Iannone

Written by Erika Barone

Il video “Mille” di Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti: Tre stilisti Italiani per tre cantanti

Arriva il treno di lusso “Dolce Vita”: Esperienza esclusiva sia fuori che dentro la carrozza