Brunello Cucinelli vola a +10,9%

Utile netto in crescita nel 2013
Il 2013 si è confermata un’annata d’oro per Brunello Cucinelli.

La crescita di utili registrata nei primi 9 mesi dell’anno dalla Maison di moda ha proseguito la sua marcia positiva anche nell’ultimo scorcio del 2013.

Il brand di cashmere italiano ha chiuso il 2013 con ricavi netti pari a 322,5 milioni di euro, in crescita del 15,5% rispetto al 2012, un ebitda di 58,2 milioni (+18,5%) e un utile netto di 29,6 milioni, in aumento del 10,9% rispetto all’anno scorso.

Consistente la crescita dei ricavi sui mercati internazionali (+21,4%), soprattutto in Usa (+23,2%) e Europa (+20%), accompagnata dall’incremento in Greater China (+52,5%). Affari invece in calo per l’imprenditore umbro nel Belpaese, che incassa un -2,9%.

Il presidente e ad Brunello Cucinelli, entrato a pieno titolo nel club dei miliardari e dei 60enni, ha commentato: “considerando gli ottimi risultati conseguiti, sia in termini di immagine sia di numeri dalle collezioni uomo-donna autunno inverno 2014-2015, ed avendo un sentimento a livello mondiale (specialmente in Italia) di una rinascita morale, civile, politica, umana ed economica, immaginiamo per il 2014 per la nostra industria una crescita a due cifre garbata, in termini di fatturato e profitti”.

Tra i prossimi impegni nell’agenda del re cashmere c’è l’ampliamento dello stabilimento di Solomeo.

Written by Chiara

Harry presenta Cressida alla Regina

Gourmet Festival 2014