Bond in motion

Redazione
23/01/2012

Bond in motion è la mostra organizzata dal National Motor Museum di Beaulieu che vanta la più grande esposizione di sempre di mezzi di trasporto usati da 007

Bond in motion

In mostra le auto di 007Con le loro linee avveniristiche e i loro “optional” davvero fuori dal comune hanno dato un enorme contributo alla nascita del mito cinematografico di 007.

Ora le auto di James Bond, il più noto e amato agente segreto della storia del cinema, avranno una mostra interamente dedicata a loro.

È stata inaugurata infatti lo scorso 17 gennaio presso il National Motor Museum di Beaulieu, nel sud dell’Inghilterra, la mostra Bond in Motion, la più grande esposizione di sempre delle vetture che sono state protagoniste della lunga serie di pellicole cinematografiche ispirate al personaggio creato da Ian Fleming.

Giusto tributo a modelli che hanno fatto la storia del cinema e dell’automobilismo, la mostra arriva tra l’altro nell’anno in cui si festeggia il 50esimo anniversario dall’esordio al cinema della saga, che sia apriva nel 1962 con il mitico 007-Licenza di Uccidere. James Bond era interpretato dal grande Sean Connery e tra le bond girl, altro elemento portante della serie, faceva la sua comparsa Ursula Andress, nella ormai iconica scena nella quale esce dall’acqua indossando un bikini bianco.

Tornando alla mostra, saranno 50 i veicoli esposti, legati alle diverse epoche della saga. Va detto che, insieme alle auto, saranno esposti anche alcuni altri tra i mezzi più improbabili utilizzati dall’agente 007.

Dagli episodi più recenti arrivano l’Aston Martin DBS vista nel 2008 in Quantum of Solace, la Jaguar XKR utilizzata nel 2002 in La morte può attendere e la BMW 750iL de Il domani non muore mai. In mostra anche la BMW Z8 de Il mondo non basta, con tanto di dotazione missilistica in bella vista.

Dalle pellicole più datate arrivano invece la Rolls-Royce Phantom lll di Missione Goldfinger, la Lotus Esprit S1 de La spia che mi amava e naturalmente lAston Martin DB5, forse l’auto di James Bond per antonomasia, anch’essa protagonista di Missione Goldfinger.Bell Textron Jet Pack

Riguardo invece gli altri mezzi di trasporto utilizzati negli anni da James Bond, spiccano il jet Bede Acrostar usato in Octopussy – Operazione Piovra, la moto d’acqua Wetbike de La spia che mi amava e il famosissimo zainetto volante Bell-Textron Jet Pack che fa decollare 007 in La morte può attendere.

Come molti ricorderanno la fama di questo aggeggio è in realtà dovuta alla prima apparizione di un suo simile nelle sequenze iniziali di Thunderball: Operazione tuono.

La mostra, che rimarrà aperta al pubblico per tutto il 2012, rappresenta un’occasione imperdibile per tutti i fan della serie, visto che difficilmente sarà possibile nel prossimo futuro mettere insieme una tale varietà di veicoli targati 007.