BLav mette le scarpe

Intervista a Lavinia Borromeo

I tacchetti disegnati da Giorgia Caovilla risuonano a completamento delle mise di BLav, la linea di abbigliamento per i più piccoli disegnata da Lavinia Borromeo. La moglie di John Elkann, mamma di Leone, tre anni e mezzo, e Oceano, poco più di due anni, ha voluto mettere in una collezione i capisaldi di quelle che sono le sue preferenze di genitore attento, ovvero la naturalità dei tessuti (lino, cotone, seta) e l’accuratezza della produzione.

In particolare, per la terza stagione, i capi principali per lui sono il blazer classico con pantalone realizzato in felpa, cui è abbinato un prezioso tricot in cachemire e un’ampia scelta di polo realizzate in diversi tessuti, dall’Oxford al righe bastoncino. Ci sono anche il montgomery in felpa imbottita, la classica camicia bianca proposta però in tessuti morbidi e confortevoli, frutto della sintesi tra popeline stretch e morbido jersey.

Grande ricerca di materiali anche per lei. Felpa e cachemire sono declinati al femminile in una giacca sciancrata, che si accompagna a una gonnellina a pieghe, in un abitino con nervature particolari che diventa più strutturato, per le occasioni speciali. E poi, per le situazioni più formali, Lavinia ha pensato a un abito in seta o al classico bouclé in stile Chanel, rivisitato con tagli al vivo e cuciture colorate a contrasto. Le calzature si declinano in una collezione pensata per loro, ma con un occhio al mondo dei grandi. Il che significa per la bimba strass, borchie, accessori in resina abbinati a vernice, velluto, camoscio e cavallino nelle nuances del rosa e fango, prugna e blu. Per lui le forme sono classiche, ma in una veste originale, declinate in nuovi materiali e combinazioni accompagnati da accessori in rame e quadrifogli in ghisa.

Le linee guida delle nostre collezioni di abbigliamento e di calzature – spiega Lavinia Borromeosono la vestibilità e la comodità. Ogni capo deve adattarsi a un uso quotidiano ma anche vantare dei dettagli particolari“.

Quella per la prossima stagione invernale è la terza collezione. Di solito questo è anche il traguardo per un primo bilancio…
Effettivamente questo è un momento importante. Abbiamo l’abbigliamento che si completa con le calzature. Dopodiché amplieremo il marchio a un lifestyle che comprenderà una collana di libri in stoffa, che vedranno la luce il prossimo marzo, e una linea di arredamento per camerette.

Una brand extension che non tradirà la filosofia del marchio?
Tutti i nostri prodotti seguiranno la filosofia del brand, che prevede la fattura italiana (l’abbigliamento è realizzato dalla modenese Brama, mentre le calzature sono fatte a Padova ndr). Comunque ci stiamo impegnando per offrire una novità per ogni stagione.

Lei si è ispirata ai suoi figli per la linea Blav: ora che Oceano e Leone stanno crescendo si amplierà l’offerta?
In futuro la linea si estenderà fino ai 14 anni proprio per seguire la crescita dei miei ragazzi.

Alessandra Iannello

Written by Francesca

Antonio Vivaldi e i Solisti Veneti

Pomellato, colore e femminilità