Biennale des Antiquaires, a Parigi gioielli e arte

Da Dior a Cartier
Gioielli, libri antichi, quadri saranno in mostra a Parigi per la XXIV edizione della Biennale degli Antiquari, dall’11 al 21 settembre al Gran Palais, con il vernissage del 10 settembre seguito da una cena di gala il cui incasso sarà devoluto interamente in beneficenza alla Fondation Hôpitaux de Paris.

4.100 m2 di stand, 94 espositori – di cui otto nuovi partecipanti – provenienti da tutta Europa, Stati Uniti e Canada, 8.000 oggetti proposti e 100.000 visitatori attesi: questi in numeri delal manifestazione, che si svolge dal 1956 ed è organizzata dal Syndicat National des Antiquaires, un appuntamento imperdibile per appassionati e professionisti legati al mondo dell’arte e della gioielleria.

Lo spettacolare allestimento 2008 riporterà il Grand Palais alla dimensione di “serra” maestosa. Sotto le vetrate luminose il visitatore potrà passeggiare in un grande ambiente verde, con veri e propri giardini all’italiana, piante tropicali, aiuole. In questo contesto si aprono – segnalati da grandi portali – gli stand destinati a gallerie d’arte e due aree dedicate a gioielli e preziosi al termine del corridoio centrale che parte dall’ingresso e accompagna il visitatore alla zona ristorante. La prima area è riservata a Bijoux, Argenti e Gioielli antichi. La seconda area, ancora più raccolta, è dedicata alle cinque firme dell’Alta Gioielleria Cartier, Chanel, Dior, Van Cleef & Arpels e Harry Winston.

Durante la Biennale des Antiquaires gli appassionati di gioielli e arte potranno tra l’altro prenotare ogni giorno a pranzo o a cena una degustazione creata “ad hoc” per il ristorante interno Potel&Chabot  da uno degli undici chef francesi più noti al mondo: Pierre Carrier e Pierre Maillet, Patrick Bertron, Stéphane Raimbault, Christophe Bacquié, Patrick Henriroux, Hélène Darroze, Jean-Michel Lorain, Jacques Chibois, Jean-André Charial e Michel Roth.

L’alta gioielleria
Fra le novità nell’ambito dell’Alta Gioielleria, l’attenzione sempre più evidente delle gioiellerie legate alle grandi firme della moda francese come la Maison Dior che entra a far parte della selezionatissima schiera di espositori della Biennale. L’edizione 2004 aveva visto l’ingresso di Chanel, mentre Cartiere Van Cleef & Arpels sono presenze storiche.
Nella sezione dedicata a Argenteria, Bijoux e gioielli antichi troviamo poi: Balian e Martin du Daffoy fra le presenze classiche parigine, la svizzera Faerber, e la gioielleria belga di  Veronique Bamps.

Fra i gioielli più spettacolari un collier Pluie Pastel dalla Maison Chanel in oro rosa 18 carati, decorato al centro da un diamante giunchiglia giallo circondato da due ventagli di diamanti e zaffiri multicolori per un totale di oltre 63 carati, un anello Dracula Spinella Devorus, fantastico fiore scuro in oro bianco, diamanti, spinelle, zaffiri e calcedonio della collezione Belladone Island del febbraio 2007 della Maison Dior e un collier Padparadscha con montatura in platino e un unico zaffiro Padparadscha ovale rosa di 37,92 carats, 99 diamanti a taglio brillante,10 taglio a goccia e 4 a taglio a pera.

Cartier (stand H3) presenterà sessanta pezzi straordinari fra cui lo zaffiro padparadscha, rosa-aranciato il cui nome significa « fiore di loto ». Proveniente dalle miniere del Ceylan, ha un peso che varia dai 22 ai 27 carati. Fra gli oggetti rari un pendolo da tavolo del 1926 detto « Écran » di manifattura cinese in onice e corallo, nonché un pendolo a prisma in cristallo, platino e diamanti con una statuetta raffigurante Osiride decorata con foglie d’oro (un oggetto antichissimo, risalente alla 30esima dinastia egiziana “aggiunto” al pendolo per impreziosirlo!).

Chanel (stand H 5) mostrerà le riedizioni dei più bei gioielli de prima collezione, come i collier  « Comète », « Fontaine » o « Franges». Le collezioni attuali si ispirano alla storia personale di  Mademoiselle, reinterpretano quello spirito innovatore giocando con i simboli del marchio. In mostra un centinaio di gioielli contemporanei fra cui una quarantina  presentati alla Biennale in anteprima mondiale. Componibili e trasformabili, morbidi e mobili, minimalisti e moderni o barocchi e spettacolari, i gioielli e gli orologi Chanel riflettono l’immagine di una donna eclettica e libera.

Harry Winston (stand H1) sarà presente con uno straordinario collier Wreath con 180 diamanti montati su platino, 60 a brillante (36,74 carati), 60 a marquise (52,90 carati) e 60 poire (60.60 carati). Inoltre un collier Padparadscha con 99 diamanti su platino e un collier di diamanti di cui 36 di taglio Marquise a 72,24 carati,  un bracciale Twist con 114 rubini ovali (98,57 carati) e 80 diamanti su platino, infine un paio di orecchini Chandelier  con 2 brillanti, 4 diamanti marquise e 38 diamanti poire su platino.

Van Cleef & Arpels ( stand H4) porta il suo stile elegante e femminile, che gioca su forme innovative e pietre eccezionali.

Dior Joaillerie, per la sua prima partecipazione alla Biennale des Antiquaires, presenterà la collezione firmata dalla giovane creatrice Victoire de Castellane e avrà un titolo originale “Milly Carnivora”. Negli ultimi anni madame de Castellane si è ispirata per le sue raffinate collezioni a temi fantasiosi: serpenti, dragoni, teschi e meduse, creature mitologiche alternate a personaggi da fiaba , a frutti esotici e fiori rari. In un continuo alternarsi di fantasia e realtà. Quest’anno ha lanciato la linea Diorette: una serie di anelli con smalto e pietre  preziose dal look bucolico, realizzati a mano dagli artigiani di casa Dior.

Biennale des Antiquaires
Parigi  – Grand Palais, av. Winston Churchill
11 – 21 settembre 2008 – ore 11-23
www.biennaledesantiquaires.com

Avatar

Written by Redazione

Linea di calzature McLaren

NIKE temporary store