Bernardino Luini a Milano

La mostra della settimana
Palazzo Reale a Milano ospita dal 10 aprile al 13 luglio 2014 una mostra che mette sotto i riflettori i capolavori di uno dei massimi esponenti dell’arte del Rinascimento: Bernardino Luini.

L’esposizione “Bernardino Luini e i suoi figli”, a cura di Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa e allestimento di Piero Lissoni, è stata inaugurata in grande stile in occasione del Salone del Mobile 2014.

“Questa mostra fa parte del nucleo centrale dei progetti espositivi su cui abbiamo costruito la ‘Primavera di Milano’, il palinsesto di eventi culturali dedicato alla nostra città, alla centralità che ha sempre avuto nella storia culturale del mondo intero, e ai suoi artisti che hanno trovato proprio a Milano la terra fertile per lo sviluppo della loro creatività – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.Un omaggio dovuto a una grande figura della storia dell’arte milanese e italiana che ha contribuito con il proprio lavoro e la propria personalità a costruire l’identità di Milano”.

La mostra racconta l’intero percorso dell’artista di Dumenza (Lago Maggiore), dalle ricerche giovanili ai quadri della maturità, con un occhio costante, da un lato, al lavoro dei suoi contemporanei (Bramantino, Lorenzo Lotto, Andrea Solario, Giovanni Francesco Caroto, Cesare da Sesto e molti altri), dall’altro, alla traiettoria artistica dei figli di Luini, e in particolare del più piccolo Aurelio.

Un intero secolo di arte lombarda va dunque in scena a Palazzo Reale, attraverso tele, tavole, disegni, affreschi staccati, arazzi, sculture in legno e in marmo, codici miniati, volumi a stampa.

Il percorso espositivo presenta una selezione di 200 opere provenienti soprattutto dalle raccolte milanesi (dalla Madonna del roseto della Pinacoteca di Brera al Gesù Bambino dell’Ambrosiana, dal Sant’Antonio del Poldi Pezzoli al ciclo con i ritratti sforzeschi del Castello Sforzesco), ma integrate da significativi prestiti europei (per esempio dal Louvre e dallo Jacquemart-André di Parigi, dall’Albertina di Vienna, dal Szépmüvészeti Múzeum di Budapest) e americani (dai musei di Houston e di Washington).

Il progetto, oltre ad essere la più grande retrospettiva mai dedicata a uno dei protagonisti dell’arte del Cinquecento in Lombardia, è anche una saga familiare, quella di Bernardino e dei suoi figli appunto, che vivono in un contesto in cui l’attività artistica è un mestiere, con regole ben precise.

“La mostra intende dare atto di questa concretezza dell’agire dell’artista, dentro le pratiche di bottega: un modo di procedere ben diverso dalle mitologie romantiche – affermano i curatori. – La mostra di Luini è nata dentro la scuola e per la scuola. Nel disegnare questo progetto, infatti, ci siamo mossi come insegnanti e non (solo) come studiosi, coinvolgendo direttamente i nostri allievi all’Università Statale nel momento di preparazione della manifestazione: hanno collaborato infatti sia studenti di diciotto anni che giovani studiosi che si sono formati con noi”.

E si tratta di un il contributo che continuerà anche a mostra iniziata, visto che nella settimana tra il 5 e l’11 di maggio un gruppo scelto tra questi giovani studiosi accompagnerà gratuitamente i visitatori nel percorso espositivo.

Susanna e i vecchioni

www.mostraluini.it

Written by Chiara

Cristiano Ronaldo nuovo ambasciatore TAG Heuer

Leading Hotels, passione per il cliente