Bags for Africa 2011

35 borse per 35000 euroLa seconda asta promossa da Coopi, andata in scena lo scorso 14 novembre, è stata un successo.

Bags for Africa ha visto battere all’asta dalla direttrice generale di Christie’s Italia, Clarice Pecori Giraldi, le 35 borse realizzate dalle grandi firme della moda per sostenere le donne della Sierra Leone.

35 maison internazionali hanno realizzato delle borse ad hoc per questa iniziativa charity.
Bags for Africa 2011 - Alexander McQueen

10 Corso Como, Agatha Ruiz de la Prada, Alberta Ferretti, Alexander McQueen, Balenciaga, Bottega Veneta, Brunello Cucinelli, Cividini, Costume National, Cristiano Burani, Daniela Gerini, Egon Von Furstenberg, Etro, Gilli, Giuliana Teso, Giuseppe Zanotti Design, Gucci, Jimmy Choo, Jo No Fui, John Richmond, Laura Biagiotti, Les Copains, Marc Jacobs, Martino Midali, Missoni, Raffaella Curiel, Rodo, Roger Vivier, Sara Battaglia, Sergio Rossi, Tod’s, Trussardi, Valentino Orlandi, Vivienne Westwood e Yves Saint Laurent.

I 35 pezzi unici disegnati o personalizzati per l’occasione hanno fruttato ben 35.210 euro che andranno interamente a finanziare il progetto specifico che si chiama D come sviluppo.

Grande è stata la soddisfazione degli organizzazioni e anche del Cavalier Boselli, Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana che ha commentato “è sempre una grande soddisfazione partecipare a momenti come questi e constatare che il made in Italy riesca a portare aiuto, soldi e attenzione a chi ne ha bisogno”.

Il 14 novembre per Coopi è stata dunque una giornata speciale che ha visto anche inauguare a Ziguinchor, Senegal, una sartoria che darà formazione e lavoro a 90 donne, in collaborazione con l’associazione Assorep, progetto reso possibile grazie ai fondi raccolti proprio durante la prima edizione di Bags for Africa.

A sostenere questa iniziativa  il Comune di Milano e la Camera Nazionale della Moda Italiana oltre naturalmente a Christie’s Italia e Morino Studio.

Written by Francesca

I gioielli della regina Elena all’asta

Hotel Quirinale, va in scena l’opera