Auguri Fabio Mancini, il top model italiano festeggia il suo compleanno tra colori, sorrisi e tradizioni “made in Messico”

Un traguardo molto importante e significativo per il top model più amato di sempre, Fabio Mancini, icona del Maestro incontrastato della moda Giorgio Armani, che festeggia in Messico il suo trentaduesimo compleanno

Tanti Auguri Fabio!

11 agosto 1987. “A 32 anni oggi, mi siedo davanti ad uno specchio e mi guardo”. Inizia così il lungo post pubblicato su Instagram proprio l’11 agosto, dove Fabio Mancini si dedica; in occasione del suo trentaduesimo compleanno, una riflessione del tutto personale ed inedita, senza filtri. Un’analisi introspettiva, che fa celare molto di sé e delle sue emozioni più intime e nascoste, condivisa con i suoi numerosi followers, che sono da sempre pronti a seguirlo in ogni suo viaggio, in ogni sua nuova avventura.

Un festeggiamento inedito, tra le bellezze del Messico

Un festeggiamento inedito, in uno dei Paesi più belli del mondo, il Messico: tra Tulum, lo Yucatan e Playa Langosta. Impossibile non rimanere incantati davanti alle meraviglie della natura che ogni giorno, compatibilmente con la connessione Wi-Fi del luogo, Fabio Mancini ci ripropone attraverso Instagram stories e feed sempre accompagnati dalla sua perfezione estetica, come se fosse sceso dall’ Olimpo degli dei. Sempre impeccabile, in ogni sua foto, studiata nei minimi dettagli. In onore del suo compleanno, però, troviamo qualcosa di diverso, un messaggio dettato da un nuovo percorso interiore di cui sta prendendo consapevolezza il top model indiscusso di Giorgio Armani.

View this post on Instagram

A 32 anni oggi, mi siedo davanti ad uno specchio e mi guardo. La barba un po’ incolta come non l’ho mai avuta, un po’ trasandato e incomincio a parlarmi nel silenzio di una notte di estate, in solitudine in mezzo alla natura della riviera Maya. Quando arrivi a questa etá, inizi a parlarti di più dentro come non hai mai fatto prima e ripercorrere piano piano la linea sottile di tutta la tua vita. La tanta gente che ti elogia ovunque, dove l’amore incondizionato che ricevo sempre sottolinea l’apice di una carriera lavorativa che ti fa capire quanto sono stato fortunato, e che hai ottenuto il massimo dalla vita, forse più di quanto meritassi. Ma la domanda che mi affligge in continuazione da anni è: che cos’è la Felicità? Cosa ci rende veramente felici? Ho tutto ..e allo stesso tempo non ho niente. A volte vorrei solo chiudere gli occhi e immaginarmi ancora bambino, ingenuo con la voglia di conquistare il mondo. Ora sto imparando come oggi a guardarmi più dentro, a parlarmi, spesso in silenzio e a guardare le mie paure e le mie fragilità più a fondo. A distinguere il bene dal male, nelle persone, amici parenti e conoscenti e a non aver paura di stare solo. Sto imparando a scrivere nel mio diario segreto, chiamato instagram senza avere timore di fare vedere le mie vere emozioni, facendolo diventando così, nel tempo, il mio specchio virtuale, nella speranza che anche voi riusciate a vedere riflesso lo stesso Fabio della realtá, quello che con gli stessi occhi di 32 anni fa sognava e non demordeva come ora. BUON COMPLEANNO A ME, a te Fabio che ti ho lì, davanti. 11 Agosto 2019, Celestun – Yucatan, Messico. • • • Happy Birthday to me. The same child of 32 years ago. #myBirthday #Libero #Sempre

A post shared by Fabio Mancini (@fabiomancini) on

“La barba un po’ incolta come non l’ho mai avuta, un po’ trasandato e incomincio a parlarmi nel silenzio di una notte di estate, in solitudine in mezzo alla natura della riviera Maya. Quando arrivi a questa etá, inizi a parlarti di più dentro come non hai mai fatto prima e ripercorrere piano piano la linea sottile di tutta la tua vita”. Una vita, quella di Fabio Mancini, sicuramente non facile e delle più rosee, e che lo ha messo, da subito, a dura prova. “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni”. Eleanor Roosevelt aveva ragione. Fabio Mancini, infatti, ha sempre creduto nei sogni, sebbene abbia avuto una storia complicata alle spalle. Ha dovuto fin da giovanissimo “rimboccarsi le maniche” e fare sacrifici per andare avanti e garantirsi un futuro.

View this post on Instagram

In ogni viaggio che affrontiamo, bisogna entrare con tutti noi stessi per capire cosa è da dove viene un popolo, abituarci alle loro abitudini, mangiare i loro cibi, camminare sulle loro strade, ascoltare le loro stori, percepire le loro energie ed esporci a piccoli rischi tutelandoci il più possibile per capire in fondo chi siamo. Questo è viaggiare. • • • When a person travel, we must enter with all of us to understand where a population come from, get used step by step their habits, eat their food, walk on their roads, listen to their stories, feel their energies and expose ourselves to small risks, protectecting ourselves as much as possible to figure out who we really are. This is the magic of travel the world. #mexico #maya #tulum #yucatan

A post shared by Fabio Mancini (@fabiomancini) on

Cresciuto tanto in fretta. Forse più del dovuto. In una Milano che a detta sua faceva paura per due ragazzi poco più che adolescenti. Sempre insieme a suo fratello più piccolo, che definisce “una delle persone più importanti della sua esistenza “. Ma alla fine la vita gli ha sorriso. Grazie alla “fame” di riscatto. Grazie alla rivincita nei confronti della vita stessa, di ciò che aveva vissuto. Complici la voglia di lottare per un obiettivo specifico e una grande motivazione. Sempre a testa alta.

“Non è una vittoria, ma una rivincita”

Una delle eccellenze italiane nel fashion system internazionale, ma in primis, un ragazzo comune come tanti altri che ha creduto in se stesso e nelle proprie forze, superando sofferenze e difficoltà. Un punto di riferimento per tanti giovani che vogliono intraprendere una carriera nel modeling. “Non è una vittoria, ma una rivincita”. Fabio Mancini è l’emblema, prima che della bellezza italiana nel mondo, di come seminando il bene si ottenga ancora di più. E la fortuna, in questo processo, ti assista.

View this post on Instagram

Out today.. my latest interview for @vanityfair ❤️ – – – – – – – – – – – – – – – In tutti questi anni anni ho ricevuto tantissimi messaggi da parte di tutti dove mi chiedevate di più sulla mia vita privata, ma ho sempre cercato di tener tutto per me, soprattutto le cose più intime. Ma.. eccomi qui, oggi, completamente a "nudo", senza segreti, in un'intervista davvero personale appena uscita per @vanityfairitalia dove ho cercato di raccontarvi tutto e di più di me. Prendetevi due minuti e leggetela, scoprirete qualche cosa in più di me. Grazie al direttore @marchettisimone e la giornalista @stefisalta per questa bellissima opportunità. Intervista completa nel link qui sotto o su google: https://www.vanityfair.it/fashion/news-fashion/2019/06/20/fabio-mancini-intervista-modello-armani-foto

A post shared by Fabio Mancini (@fabiomancini) on

Ad oggi Fabio Mancini è l’icona della maison Armani per eminenza, da più di dieci anni sulle passerelle di Emporio e Giorgio Armani. Il top model italiano, inoltre, si interroga sul significato più vero di felicità e in che cosa consista essa stessa: “Ho tutto ..e allo stesso tempo non ho niente. A volte vorrei solo chiudere gli occhi e immaginarmi ancora bambino, ingenuo con la voglia di conquistare il mondo. Ora sto imparando come oggi a guardarmi più dentro, a parlarmi, spesso in silenzio e a guardare le mie paure e le mie fragilità più a fondo. A distinguere il bene dal male, nelle persone, amici parenti e conoscenti e a non aver paura di stare solo”.

View this post on Instagram

Just walking here, alone, a few days before the shows, in your theater, Maestro, where almost 10 years ago everything started; and I understand its true importance. In the silence, one begins to understand and to internalize the true value of these years and the true love with which I have always trod this catwalk with great pride. With the lights high, you can see everything but with eyes closed now, I go through every single detail. The music rises, the spotlights are on and the eyes of every single guest turn. 9 campaigns, 20 seasons, more than 50 times the same feeling: adrenaline, pride and a bit of tension. Surprisingly, the time has come to say enough is coming, just a few minutes before the new Emporio Armani fashion show, a cycle closes, where probably it is right to give space to new generations and new talent, those who have just started or have been around for some years. Beautiful years in which I tried to give my best, in every step trodden here and in the world, proudly wearing every single cm of every creation. Beautiful years made up of many people: people who really loved me, with ties that I still carry on with great esteem and respect, but also made up of many people who always wanted to put a spoke on my career, without reason, in the hope that I would stumble. Still, I went ahead … almost 10 years and now we're here. This is not a goodbye, It is probably a moment that hurts, with the deepest of feelings and in a human way, but I must go on with a smile starting from now. A thank you goes to every single one of you who work in the Company, to everyone, even to the negative people who have made me grow in some way and to a lot of fan waiting me for h out of the shows. Yet, the biggest thanks goes to the one person who truly loved me in these years and who radically changed my life: GIORGIO ARMANI, I will never have enough gratitude to thank him. Now I will take some time off from socials after the shows, in the hope that you will all understand that I do so with respect for every single person who has been following me for a long time or not as long, who will read this post of mine. F.

A post shared by Fabio Mancini (@fabiomancini) on

Sicuramente Fabio Mancini, ci sta rendendo partecipi, attraverso questo post, di un nuovo cambiamento ed evoluzione. Una nuova alba alla quale si sta interfacciando. Noi di Luxgallery non possiamo far altro che augurargli il meglio! Tanti auguri di Buon Compleanno Fabio!

Redazione Luxgallery

Avatar

Scritto da valentinabissoli

Giovanna Borbonese è morta: il mondo della moda piange una grave perdita

Giovanna Borbonese è morta: il mondo della moda piange una grave perdita

I pixie cut delle star: da Katy Perry a Miley Cyrus passando per Anne Hathaway

I pixie cut delle star: da Katy Perry a Miley Cyrus passando per Anne Hathaway