Athena 115, la tradizione Riva giunge al massimo

Nasce da oltre 150 anni di storia di nautica da diporto la nuova ammiraglia creata dallo storico cantiere Riva

È possibile scorgere, attraverso un gioiello della moderna tecnologia, la tradizione che proviene da oltre 150 anni di storia di nautica da diporto? Certamente se si tratta di Riva, lo storico e blasonato cantiere nautico fondato da Pietro Riva nel 1842 a Sarnico, sul lago d’Iseo. Oggi Riva fa parte del Gruppo Ferretti Yachts, ma della gestione storica ha senz’altro mantenuto la voglia di stupire e osare, la stessa che ha dato vita al celebre Aquarama, motoscafo dalle linee inconfondibili che ancora oggi è motivo di orgoglio per i suoi possessori.

Lo stesso orgolio che possono avere i possessori del 115 Athena, la nave più grande mai prodotta dal cantiere, frutto di un consistente investimento del gruppo, che ha visto, tra l’altro la realizzazione di un nuovo polo cantieristico Ferretti a La Spezia. Athena 115 è un imponente fly, tracciato tra due linee continue e perfette che si stringono in una prua aggressiva. Il disegno, affidato a Mauro Micheli e all’Officina Italiana Design con il supporto di Luigi Ferretti parte da due linee fondamentali molto decise che si incontrano a prua, linee che caratterizzano da sempre la produzione Riva, come una firma intrinseca del cantiere. Ma è notevole, in tutta la barca, la cura riservata ai dettagli, frutto di una ricerca estetica sapiente e sofisticata.

La configurazione standard sarà da 4, 5 o 6 cabine per lasciare più o meno spazio alla zona giorno. L’estetica degli interni è caratterizzata dal massiccio utilizzo del cataletto, che con i suoi toni scuri si contrappone all’eleganza e alla ricercatezza del bianco del pellame dei divani e dei soffitti e dell’ecrù dei pavimenti. Le linee dell’arredamento sono quelle squadrate e pulite del minimalismo corrente. In cucina su un pavimento in parquet troviamo mobilio in lacca di un austero grigio con top bianco neve. La modernità è affidata all’acciaio e all’alluminio. Le camere da letto, diverse tra loro ma identiche nello stile, sono ampie ed accoglienti. Sono molto interessanti le soluzioni adottate per gli spazi comuni, i passaggi e le scale di collegamento tra i vari ponti, tutto realizzato per garantire la massima privacy e semplicità di movimento a bordo agli ospiti.

La nuova ammiraglia, infatti, non è solo l’imbarcazione più grande mai realizzata dalla Riva, ma anche una sfida per mantenere, in uno yacht di queste dimensioni, gli stessi standard di eccellenza, di rifinitura e di stile che hanno decretato negli anni il successo e l’apprezzamento di Riva nel mondo. Con questa nascita Riva trova una nuova ammiraglia, e sottolinea la concretezza di un piano di crescita che copre ormai con i suoi modelli tutte le necessità della clientela mondiale, a partire dai 33′ dell’altro classico dell’azienda d’Iseo, Aquariva.

SCHEDA TECNICA

Lunghezza f.t.: m 35,05
Lunghezza al galleggiamento: m 29,05
Larghezza: m 7,08
Immersione sotto le eliche: m 1,85
Dislocamento a pieno carico: T 155
Capacità serbatoio carburante: litri 22.000
Capacità serbatoi acqua: litri 3.500
Autonomia alla velocità massima: nm 540
Autonomia alla velocità di crociera: mn 600

Per informazioni:

www.riva-yacht.com

[email protected]

Avatar

Written by Redazione

La TV nel pallone

I profumi di Afrodite