Aste, dall’Oriente ai piatti di Picasso

Eventi internazionali a settembre
Settembre 2010: tornano le grandi aste internazionali, tra opere pronte a sorprendere con record di vendita, lavori ricchi di storia e significati e tante curiosità per collezionisti e appassionati.

Se una delle aste più importanti sembra essere quella della Collezione Lehman Brothers, proposta da Sotheby’s a New York il 25 settembre, non mancano eventi d’eccezione, come quelli dedicati all’arte asiatica, e curiosità da non farsi sfuggire, come le ceramiche create da Picasso, un set vintage di valige Louis Vuitton, rari esemplari di pipa e auto storiche.

Dai bronzi arcaici all’arte indiana contemporanea

Protagonista è sicuramente l’arte dell’Estremo Oriente, sia antica sia contemporanea.
Christie’s e Sotheby’s presso le sedi di New York dedicano una settimana di vendite all’arte asiatica. Ecco alcune date di spicco.

Si parte il 14 settembre da Christie’s con  “Indian and Southeast Asian Art” in cui il pezzo di punta è una statua di bronzo di Amitayus del Tibet del XIV secolo, valutata fino a 800.000 dollari.
Il giorno seguente ecco “South Asian Modern + Contemporary Art”, una selezione di opere del XX e XXI secolo, da cui ci si aspetta una vendita complessiva di dieci milioni di dollari. Tra i nomi, Syed Haider Raza, Francis Newton Souza, Maqbool Fida Husain, Jagdish Swaminathan, Atul Dodiya e TV Santhosh. Top lot è “La Terre” di Syed Haider Raza, stimato fino a 2.500.000 dollari, seguito da “Untitled (Large Head)” di Francis Newton Souza che può arrivare a 1.800.000 dollari. Lo stesso giorno è in calendario anche “Japanese and Korean Art featuring Arts of the Meiji Period”, con una varietà di oltre 250 lotti. La sezione dedicata all’arte giapponese vanta oggetti in smalto del periodo Meiji, paraventi e bronzi, mentre la sezione di arte coreana mostra una collezione privata di disegni tradizionali coreani, ceramiche e opere di arte moderna e contemporanea sempre coreane.

Il 16 settembre è in programma “The Sze Yuan Tang Archaic Bronzes from the Anthony Hardy Collection”, circa 120 lotti valutati nel complesso fino a 15 milioni di dollari, che comprendono bronzi arcaici, tra cui un recipiente rituale con tre piedi per contenere cibo del XII secolo a.C. valutato fino a 900.000 dollari, accanto a un contenitore per vino munito di copertura del XII-XI secolo a.C. che può arrivare a 1.800.000 dollari. Lo stesso giorno si terrà anche “Fine Chinese Ceramics & Works of Art”, con altri importanti pezzi.

Passiamo a Sotheby’s. Il 14 l’appuntamento è con la collezione di Joe Grimberg di snuff bottles cinesi, veri capolavori in miniatura, a cui segue il 15 “Fine Chinese Ceramics & works of art”.
Il 16 la casa d’aste organizza “South Asian Art”, dove campeggiano disegni moderni e arte contemporanea indiani ed ecclettiche miniature sempre indiane. Tra questi lavori, ecco il dittico “That obscure object of desire” di Maqbool Fida Husain, stimato fino a 600.000 dollari.

Anche Bonhams, sempre nella sede di New York, dedica un appuntamento all’arte dell’Estremo Oriente. Il 14 settembre ecco “Fine Japanese Works of Art”, dove i collezionisti potranno acquistare armature, oggetti in lacca, paraventi e opere d’arte di diversi periodi della storia del Giappone.

Preziose stampe e ceramiche d’autore

Diamo un’occhiata agli altri eventi dedicati all’arte, tutti in programma a Londra.
Come capita spesso, uno dei protagonisti indiscussi delle aste è uno degli artisti più amati e discussi del XIX secolo, Pablo Picasso. Il 23 settembre da Bonhams saranno protagonisti ceramiche (per lo più piatti e vasi), argenti e stampe dello spagnolo, dallo stile vibrante e pieni di colore.
Il 29, la casa d’aste organizza “19th Century Paintings” in cui l’highlight è il ritratto di Raquel Meller, intitolato “La Bella Raquel” di Joaquín Sorolla. Si tratta della più grande attrice e cantante spagnola del XX secolo, ammirata da Charlie Chaplin.

Due vendite di rilievo sono dedicate alle stampe. La prima è “Old Master, Modern & Contemporary Prints” il 15 settembre da Christie’s. Tra i nomi Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Pablo Picasso e Joan Miro, Richard Hamilton, Anish Kapoor, William Kentridge e Sigmar Polke.
Il 16 settembre nella sede di Sotheby’s ecco “Modern and Contemporary Print”. Figurano opere di artisti quali Munch, Picasso e Matisse.

Aston Martin, Louis Vuitton, pipe e denti di balena

Infine, per appassionati e collezionisti, ecco alcune curiosità da non perdere.

Quando la pipa è un’opera d’arte. Il 21 settembre da Christie’s a Londra, durante “Interiors: Masters & Makers” verrà messa all’incanto la collezione di pipe di Trevor Barton, che riunisce accessori per il fumo rari e inusuali.

Il viaggio di Darwin. Un dente di balena, reliquia del viaggio compiuto da Darwin negli anni 1832-1836, sarà messo all’asta da Bonhams a Londra il 15 settembre durante “Travel and Exploration Sale“.

Il vintage è griffato. Il 28 settembre a Londra da Christie’s durante “Interiors: Style & Spirit” verranno messi all’incanto numerosi accessori da viaggio Louis Vuitton, datati dalla fine del XIX secolo al 1940 circa.

Il nettare degli dei. Diverse le date per gli amanti del vino. A Londra da Christie’s il 9 settembre ci sarà la possibilità di acquistare 12 bottiglie di Romanée-Conti Grand Cru-Vintage 1988 per poco meno di 80.000 dollari.

Eleganza a quattro ruote. L’11 settembre Bonhams torna al Reims-Gueux Grand Prix Circuit con una serie di auto ricche di storia. Tra queste spiccano due modelli di Aston Martin, una Sportsman del 1996 (ne sono stati costruiti solo due esemplari) interamente fatta a mano in alluminio e valutata fino a 500.000 dollari e una DB5 Vantage del 1965, una delle auto più celebri al mondo, stimata poco meno. Un’altra delle regine proposte sarà una rarissima Pontiac “Woodie” del 1948, l’unica in Europa.

Sulle ali della storia. Al Goodwood Revival il 17 settembre Bonhams presenta un modello a scala naturale dell’aereo MKVb Supermarine Spitfire che riproduce un originale del 1941, utilizzato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Avatar

Written by Redazione

Che vista dall’hotel!

Dalla Vogue Fashion’s Night