Aste, da Poussin alla calligrafia

Gli appuntamenti dedicati all’arte a dicembre 2010

Vi abbiamo anticipato dell’asta dedicata alle opere e alle fotocommissionate da Playboy. Accanto a questo evento dicembre 2010 riserva diversi capolavori artistici in vendita alle aste internazionali, da un importante quadro del francese  Nicolas Poussin a opere calligrafiche mediorientali fino a una statua calcidica del 2.400 a.C.

Diamo un’occhiata alle date più significative, in attesa di scoprire cosa ci riservano gli appuntamenti su gioielli, design e oggetti da collezione.

A New York da Sotheby’s il 2 dicembre si terrà “American Paintings, Drawings & Sculpture”, in cui il top lot tra le opere americane impressioniste e moderne è “Peach Blossoms” di Winslow Homer stimato fino a 5 milioni di dollari.
Il 7 dicembre a Londra da Christie’s durante “Old Masters and 19th Century Art Evening Sale” la star è “Ordinazione” di Nicolas Poussin, che fa parte della serie dedicata ai Sette Sacramenti comprata dal 4o Duca di Rutland nel 1785. Il quadro può arrivare al costo di 31 milioni di dollari.

Il giorno seguente a Londra, Sotheby’s metterà all’incanto durante “Old Master & British Paintings Evening Sale” un dipinto di George Stubbs, pittore famoso per i suoi soggetti equestri, intitolato “Brood Mares and Foals” e stimato 23 milioni di dollari, cifra che porterebbe l’opera a battere il record per i dipinti dell’autore, ora detenuto da “Portrait of the Royal Tiger”, venduto per oltre 4 milioni di dollari.

Due le opere di Jean-Michel Basquiat che si annunciano star di due eventi parigini dedicati all’arte contemporanea. Il primo è “Water-Worshipper” proposto da Sotheby’s il 7 dicembre, che può arrivare a 4 milioni di dollari. L’8 e il 9 dicembre ecco “Untitled” che può arrivare al costo di 2 milioni di dollari.

Oltre l’Europa

Di grande interesse culturale l’asta “Hurouf: The Art of the Word”, in programma il 15 dicembre al The Ritz-Carlton Doha hotel a Doha in Qatar, organizzata da Sotheby’s. Verranno messi all’incanto 145 lotti per questa storico evento di calligrafia, con opere storiche del XIX e XX secolo e interpretazioni contemporanee. L’asta ha una stima totale che si avvicina ai 4 milioni di dollari.
Dalya Islam, esperta di Sotheby’s per il Medio Oriente e l’India commentando l’asta: “siamo molto orgogliosi di questa vendita dedicata a ‘Hurouf: l’Arte della Parola’, si tratta di una retrospettiva sulla storia della calligrafia attraverso le epoche con un focus sulla genesi di questa tecnica. E’ un’asta dedicata ai collezionisti ma anche alle istituzioni e agli studiosi di questa disciplina. E certo Doha rappresenta la miglior sede dal punto di vista culturale per proporre una così speciale asta a tema”.

Due gli appuntamenti di rilievo, entrambi a Parigi, dedicati all’arte asiatica e africana.
Six Chefs-d’Oeuvre d’Art Africain de la Collection Kahane” è in programma da Christie’s il primo dicembre. Il top lot è una statua di D’mba-Yamban proveniente dalla Repubblica della Guinea e valutata oltre un milione di dollari.
Asian Art” è di scena da Sotheby’s il 16 diecembre. Tra opere in porcellana e ceramica, spiccano due statue in bronzo raffiguranti Ajita e Cudapanthaka provenienti da una collezione privata europea stimate fino a 500.000 euro l’una.

Antichità

Non possono mancare eventi che vedono protagoniste le opere antiche.
Dalla collezione di Clarence Day provengono le opere messe all’asta da Sotheby’s a New York il 7 dicembre. Può arrivare a 3 milioni di dollari il busto di Antinoo di età imperiale, datato circa 130-180 a.C.
Il 9 dicembre a New York da Christie’s ecco “Antiquities Including Property from The Collection of Max Palevsky”. Può arrivare a 5 milioni di dollari una statua cicladica in marmo raffigurante una donna e datata circa 2.400 a.C. Accanto a questa ecco statue e oggetti romani, mesopotamici o egiziani.

Avatar

Written by Redazione

Tequila e diamanti

Wine Spectator, la classifica 2010