Artissima 2013, numeri e premi

Torino si conferma capitale italiana dell’arte contemporanea
Artissima chiama e il pubblico dell’arte risponde.

La 20esima edizione della Fiera internazionale d’arte contemporanea di Torino si è chiusa ieri in un clima di grande vivacità.

La direttrice Sarah Cosulich Canarutto può ritenersi soddisfatta per la quattro giorni di manifestazione, che ha portato nei padiglioni dell’Oval, Lingotto Fiere, oltre 50.000 visitatori.

Il dato conferma l’interesse del pubblico, specialistico, di appassionati ma anche di semplici curiosi, nei confronti della kermesse piemontese e dei suoi appuntamenti.

Le 190 gallerie giovani o consolidate (130 straniere e 60 italiane) hanno presentato i lavori di quasi 900 artisti, coprendo un arco temporale che va dagli anni Sessanta (Back to the Future) a oggi.

Anche sul fronte delle presenze, Artissima quest’anno ha portato in città un parterre di presenze altamente qualificate, con 45 curatori internazionali, coinvolti nelle diverse iniziative della fiera, e oltre 300 collezionisti, alcuni dei quali provenienti da aree geografiche nuove e di grande interesse per il mercato dell’arte, come Brasile, Turchia e Indonesia.

Oval esterni

Nel corso di Artissima 2013 sono stati consegnati anche importanti riconoscimenti.

Il Premio illy Present Future, dedicato ai migliori talenti della creatività emergente, è stato assegnato in ex aequo a due artiste: Caroline Achaintre (1969, Toulouse, Francia) presentata dalla galleria Arcade di Londra, e Fatma Bucak (1982, Iskenderun, Turchia) presentata dalla galleria Alberto Peola di Torino. Il premio consiste nella produzione di una mostra dei vincitori nella prestigiosa sede del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, in occasione di Artissima 2014.

La giuria internazionale del Premio Fondazione Guido Carbone New Entries 2013 – composta da Emre Baykal, Direttore e Curatore, ARTER Istanbul; Suzanne Cotter, Direttrice del Museu Serralves, Porto; Jochen Volz, Direttore Programmi della Serpentine Gallery, Londra; Laura Viale, artista, membro permanente in rappresentanza della famiglia di Guido Carbone, Bruxelles – ha deciso con parere unanime di premiare, tra le 27 gallerie selezionate per la sezione New Entries, la galleria Antoine Levi di Parigi. Il Premio, consistente in 5.000 euro, è stato assegnato ad Antoine Levi “per la particolare freschezza ed energia delle proposte”.  
 
Petrit Halilaj è, infine, il vincitore del Premio Fondazione Ettore Fico 2013, con l’opera Cleopatra (2013), presentata dalla Galleria Chert di Berlino (Main Section). Il Premio, istituito nel 2009, viene assegnato a un giovane artista scelto tra tutte le gallerie presenti in fiera. L’opera entrerà a far parte della collezione del costituendo Museo Ettore Fico, insieme alle altre 5 acquisizioni della Fondazione ad Artissima 2013.

A conclusione della manifestazione Sarah Cosulich Canarutto ha dichiarato: “fare di Artissima il punto di riferimento in Italia per l’arte contemporanea internazionale e renderla motore di sviluppo per le migliori energie del territorio, è l’impegno che abbiamo assunto – e che a ogni edizione rinnoviamo – nei confronti dei galleristi, primi interlocutori della fiera, e della città. Siamo grati a tutte le gallerie e ai nomi eccellenti che hanno animato le giornate di Artissima 2013, rendendola un appuntamento di altissima qualità. La soddisfazione generale degli espositori e dei collezionisti, unita agli ottimi dati di affluenza, premiamo la scelta della direzione di investire sull’internazionalità delle presenze in fiera e sul network di relazioni qualificate a livello mondiale”.

Premiazione Premio illy Present Future

Avatar

Scritto da Chiara

I primi 25 anni di Max Mara in Giappone

Mtv Ema 2013, vincitori e red carpet