Armani, Gucci e Max Mara: cancellate a causa del coronavirus le sfilate cruise

Da Tokyo a San Francisco, l’epidemia ha portato ad annullare anche gli eventi di moda

Molti appuntamenti riguardanti il mondo del fashion sono stati annullati a causa del coronavirus, una serie di marchi hanno detto no alle passerelle cruise che dovevano tenersi all’estero. Da Gucci fino a Max Mara, la moda si ferma per evitare l’avanzamento del virus nelle altre nazioni.

Stop

Alla vigilia delle sfilate di Milano, il 18 febbraio, Prada ha cancellato la sfilata prevista a Tokyo per il 21 maggio, che, come accade per molti di questi eventi primaverili, avrebbe visto in passerella la cruise, un tipo di collezione che serve da ponte tra quelle dell’Autunno/Inverno.

Armani ha spostato a novembre la cruise di Dubai del 19 aprile, Versace ha cancellato quella negli Stati Uniti. Gucci aveva già seguito l’esempio di Prada e Chanel annullando la sfilata di San Francisco del 18 maggio, sempre cruise.

Anche Max Mara annulla la sfilata a San Pietroburgo, a seguire Chanel sta lavorando da mesi a un grande evento a Capri per la cruise previsto per il 7 maggio, Dior sta facendo lo stesso a Lecce. Insomma, uno stop generale nel mondo della moda.

Aggiornamenti

Un nuovo Consiglio dei ministri affronterà l’emergenza Covid-19 (il conto è salito ieri, in Italia, a 10.149 casi e 631 morti, con 1004 guariti; nel mondo sono oltre 110 mila, qui la mappa). Dopo l’estensione a tutto il Paese delle misure già previste per le aree arancione, il governatore lombardo Fontana chiede misure ancora più stringenti, con un blocco di tutte le attività esclusi alimentari e farmacie, per la sua regione.

Avatar

Written by chiaradinunzio

giorgio armani

Emergenza Coronavirus: Giorgio Armani chiude negozi e hotel a Milano

Jena Frumes, la modella che ha stregato il mondo del web: 3,7 milioni di follower