Armani, dopo la sfilata omaggia Chris Pine

Glam a Milano Moda Uomo

Dopo aver “bacchettato” lo stile troppo casual del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a margine della sfilata di Emporio, Giorgio Armani è tornato protagonista di Milano Moda Uomo con la collezione primavera estate 2015 della sua prima linea.

In passerella all’Armani Teatro, tutti gli stilemi di eleganza, che hanno fatto grande la maison e il designer piacentino in tutto il mondo, ma come sempre, modernizzati nelle proporzioni e nei colori.

Ecco l’impermeabile leggero, la giacca destrutturata, il grigio ma anche il bianco e blu con le righe, le camicie gilet, le felpe leggere, i blazer di jersey e i pantaloni ampi.

“Tante, troppe volte sento dire ‘questo somiglia ad Armani, quello somiglia ad Armani’. Così ho deciso di riprendere i ricordi, senza compiacermi. Ho fatto delle cose di ieri con un’attitudine contemporanea. È una sorta di testamento estetico” ha spiegato Re Giorgio.

In prima fila ad assistere al defilè tantissimi sportivi, dall’attacante spagnolo della Juventus Fernando Llorente allo sciatore Christof Innerhofer, passando per il nuotatore italiano Luca Dotto, testimonial di Emporio Armani Underwear ed Emporio Armani Eyewear per l’autunno inverno 2013-2014 e la primavera estate 2014.

In serata, poi, presso il Bamboo Bar dell’Armani Hotel, si è tenuto un cocktail party esclusivo in onore di Chris Pine, il nuovo volto di Armani Code, una delle fragranze maschili più vendute al mondo.

Per l’occasione, l’attore, in prima fila anche durante la sfilata PE 2015, ha indossato un elegante completo della maison.

A poche settimane dai suoi 80 anni, e a qualche mese dall’apertura dell’Armani Silos a Milano (un museo dedicato alla sua eredità stilistica), Re Giorgio è più in forma che mai.

Avatar

Written by Monica

Coppa del Mondo 2014, tricolore di design

William per l’anniversario dei Middleton