La bottiglia al femminile: Aida

La bottiglia nasce per raccogliere i Franciacorta dell’azienda Antica Fratta

Per un vino è necessario un contenitore in grado non solo di vestirlo con eleganza, ma anche di riassumere il carattere suo e della terra in cui nasce. Per questo, molte aziende creano bottiglie che si avvicinano sempre più a diventare oggetti di design e, naturalmente, da collezione.
Così è nata Aida, bottiglia che riprende il nome dell’eroina verdiana, creata per la gamma Franciacorta di Antica Fratta dal bresciano Alberto Pedali. A partire dal tirage 2006, Brut, Satèn, Rosé e Millesimato si vestono di un vetro dalle linee femminili, mediterranee di Vetreria Etrusca, novità nel panorama enologico italiano. La tonalità di vetro scelta è vicino la nero in modo da risultare piacevole e da far risaltare il gusto classico delle etichette, create nel 2001 dal prestigioso studio londinese Classens.
Con la presentazione ufficiale della nuova bottiglia, i saloni ottocenteschi di Antica Fratta si ‘vestono’ di vetro, e accolgono le opere di due artisti di Murano, Fabio Fornasier e Andrea Penzo . In particolare, a Fornasier si deve quel monumento alla bottiglia chiamato Vi, colossale lampadario realizzato con le ultime rimanenze di champagnotta tradizionale presenti in azienda, tagliate e modificate a mano, ora collocato tra le antiche nicchie della cantina. Vi rappresenta quindi il commiato alla bottiglia precedente, la chiusura del primo capitolo della storia di Antica Fratta, azienda che ora punta ad acquisire un’immagine ben definita. E la nuova bottiglia, elegante, femminile, seducente, riassume in sé i caratteri dell’azienda.
Aida corona ed esplicita, infatti, i tanti nuovi impulsi che stanno animando Antica Fratta: la nuova presidenza, affidata tre anni or sono a Cristina Ziliani, la direzione marketing, curata da Marcello Bruschetti, l’impiego della grande dimora, sede dell’azienda, quale luogo privilegiato per incontri d’affari, cultura e convivio, col supporto degli chef più ammirati del territorio. Ma soprattutto la qualità dell’intera proposta enologica, che, particolarmente nella gamma bollicine affidata alla direzione tecnica di Piero Bonomi, acquisisce un’immagine di eleganza ed esclusività un po’ glamour, con un’impronta fresca e raffinata, priva di complessità troppo evolute.

Informazioni:
Antica Fratta
Via Fontana 11, 25040 Monticelli Brusati (Brescia)
Tel. 030 652068
Fax 030 65266
[email protected]
www.anticafratta.it

Avatar

Written by Redazione

Raffinata sobrietà in Abruzzo

Salsomaggiore: la bellezza e lo spirito