Anna Wintour compie 70 anni, la pensione è lontana anni luce

Potresti pensare che Anna abbia ridotto le sue di lavoro ore dopo essere diventata nonna, ma non l’ha fatto, anzi!

Domenica 3 Novembre è stato il settantesimo compleanno di Anna Wintour e pare che l’unico desiderio che abbia espresso sia solo quello di avere più nipoti. La Wintour è nonna di Caroline e Ella (2 anni, 9 mesi), entrambe figlie del suo primogenito Charlie Shaffer e della moglie Lizzy. Potresti pensare che Anna abbia ridotto le sue di lavoro ore dopo essere diventata nonna, ma non l’ha fatto. Anzi, pare abbia le mani in pasta come sempre un po’ dappertutto. In effetti, la Wintour non mostra segni di avanzamento verso la pensione. E meno male!

Oltre a gestire Vogue America e guidare l’intera scuderia di Condé Nast come consulente per i contenuti globali, ecco elencate le varie occupazioni di Anna Wintour.

  • Recitare in una miriade di video su Vogue.com e YouTube
  • Supervisionare l’annuale Met Gala, a beneficio dell’Anna Wintour Costume Institute presso il Metropolitan Museum of Art
  • Condurre una serie in 12 parti per MasterClass, l’accademia di apprendimento online, chiamata #HowToBeABoss
  • Essere la consulente di design di moda per i Tony Awards degli ultimi cinque anni
  • Ricevere la nomina di Dama dalla regina Elisabetta nel 2017

«Non sta solo invecchiando con grazia», ​​ha confidato uno scrittore di Vogue. «Sta invecchiando alla moda. Sta cambiando l’intero gioco di chi può indossare cosa e a quale età.»

«Anna sa quanto sia epico questo compleanno per quasi tutti i comuni mortali», ha detto una collega che conosce la Wintour da molti anni. «Ma non ha mai rispettato le regole, quindi perché dovrebbe iniziare ora? Proprio come ha reinventato tutto il resto, sta reinventando i 70.»

La scorsa settimana, il New York Magazine ha pubblicato un resoconto clamoroso del declino di Condé Nast, rivelando perdite di $ 120 milioni nel 2017. Solo quest’anno, l’azienda ha venduto Golf Digest, W e Brides, dopo aver messo a fuoco recentemente anche le versioni stampate di Glamour, Self e Teen Vogue. Mentre le voci sulla pensione di Wintour hanno turbinato nei circoli di potere di Manhattan negli ultimi anni, una fonte ben posizionata ritiene che l’icona non si stia per niente facendo da parte, anzi. Pare che sia la chiave di volta se la famiglia Newhouse, proprietaria di Condé Nast, dovesse mai decidere di vendere la società.

«Dipendono dall’immagine glam di Anna»

Insomma l’icona della moda mondiale Anna Wintour chi ha fornito lezioni su lezioni di stile. Adesso pare ci abbia regalato anche un’altro dei suoi dogmi visionari, ossia che l’età è davvero solo un numero e che dipende tutto da come decidi di giocarlo. Anna ha decisamente vinto alla lotteria della vita, e noi le facciamo tanti auguri!

Krow Kian, primo ragazzo trans sulla copertina de L’Uomo Vogue: abbattuti 50 anni di tradizione

Avatar

Scritto da Erika Barone

Come conquistare il top model dei vostri sogni? Sono davvero così irragiungibili? Guida pratica!

Gigi Hadid al compleanno di Kendall Jenner: il miglior travestimento Halloween 2019