Andrea e Tatiana sposi

Matrimonio reale a Montecarlo

Nonostante siano entrambi due giovani ereditieri hanno optato per un matrimonio discreto, low profile e per nulla sfarzoso, lontano dai flash dei paparazzi e da occhi indiscreti.

Sabato 31 agosto a mezzogiorno, Andrea Casiraghi, primogenito di Carolina di Monaco, e Tatiana Santo Domingo si sono giurati amore eterno con una cerimonia civile blindatissima a Palazzo Grimaldi, a Montecarlo, a cui è seguito un brunch realizzato per l’occasione dal celebre chef Alain Ducasse per la gioia dei 400 ospiti accorsi alla funzione.

Secondo i tabloid francesi, poi, è stata organizzata una festa solo per un centinaio di fortunati nell’esclusivo Sporting d’Hiver.

Le nozze del secondo in linea di successione al trono del Principato di Monaco e della nipote del businessman colombiano Julio Santo Domingo, che erediterà una fortuna stimata intorno ai 6 miliardi di dollari, sono state l’esatto opposto del matrimonio pomposo e regale del 2011 tra Alberto II e l’ex nuotatrice sudafricana Charlene Wittstock.

Il rito religioso, invece, è in programma nell’esclusivo villaggio svizzero di Gstaad questo inverno, dove la sposa è cresciuta, molto probabilmente in concomitanza con il battesimo del loro primogenito.

Andrea e Tatiana, che si sono innamorati a Parigi sui banchi di scuola, stanno insieme da otto anni, sono ufficialmente fidanzati da uno e sono genitori del piccolo Sasha, nato il 21 marzo scorso.

Tatiana per il grande giorno ha scelto un abito bianco dall’animo hippie con scollo a V, maniche a tre quarti con corpetto di fili di rafia e seta abbinato a una gonna lunga di organza, effetto macramè, firmato Missoni: niente velo per la 29enne ma solo una semplice e romantica coroncina di mughetti freschi tra i capelli.

Abito blu, camicia bianca e cravatta con micro motivi stampati per il nipote di Grace Kelly, che dopo essere diventato padre e marito si appresta a vestire i panni di zio.

Andrea e Tatiana sposi a Montecarlo

Avatar

Written by Monica

In vacanza su un’isola privata

Nokia passa a Microsoft