Coppa America: primi giorni

A Valencia è scattato il 3 aprile l’ultimo Act preparatorio in vista della Vuitton Cup
Un rinvio, vento leggero ed instabile, la prima giornata dell’Act 13 di Coppa America è stata caratterizzata da continui salti di vento che, dopo una gara dominata a lungo da +39 Challenge e Mascalzone Latino beffati poi nel finale, hanno favorito la vincitrice Bmw Oracle seguita dai sudafricani di Shosholoza.

Il team di Vincenzo Onorato, che ha voluto dedicare il terzo posto all’amico Paolo Venanzangeli, scomparso lo scorso sabato, si è quindi posizionato davanti al Defender Alinghi ed Emirates Team New Zealand.
Per gli altri team italiani, risultati un po’ delidenti; infatti, Luna Rossa, nonostante fosse l’unico dei big team in gara con la barca più nuova, si è accontentata di un settimo posto e Ita 85 del decimo.

La seconda giornata del Valencia Louis Vuitton Act 13 è stata caratterizzata da un vento che nessuno aspettava, onda, incidenti e proteste, ma soprattutto conferme e sorprese.

Alinghi vincendo entrambi i races, si conferma il team da battere per velocità e per la costante positiva nei risultati indipendentemente dalle condizioni atmosferiche così come BMW ORACLE Racing e Team New Zeland che si sono dimostrate potenti sia tecnicamente che tatticamente.

Per quanto riguarda i team italiani Mascalzone Latino Capitalia Team si è rivelato la vera sorpresa dell’American’s Cup tenendo testa ai big team posizionandosi al sesto posto della classifica provvisoria, appena dietro Luna Rossa. + 39 Challenge disalbera, chiudendo nel peggiore dei modi due giornate che sembravano molto promettenti.

Avatar

Written by Francesca

Doux Gommage Corps

Profumo d’estate per Canali