Coppa America: presentato il team di Mascalzone Latino

Vincenzo Onorato ha presentato la squadra, lo skipper è Vasco Vascotto

3 aprile 2007: parte l’ultima fase della America’s Cup a Valencia.
Mascalzone Latino-Capitalia Team è uno degli undici challenger che disputeranno le fasi finali delle selezioni per la trentaduesima edizione della competizione, la Louis Vuitton Cup, e il presidente e capitano Vincenzo Onorato ha presentato, oggi 15 marzo, il team che sta per affrontare il torneo ed i suoi partner.
Nella sfida sarà affiancato dallo skipper Vasco Vascotto, dai tre timonieri Flavio Favoni, Jes Gram-HAnsen e Cameron Dunn e dall’altra parte della squadra che comprende centocinque persone di cui sessantanove sono italiani.

“E’ noto a tutti – ha affermato Vincenzo Onorato – che l’America’s Cup è un volano che muove una grande quantità di denaro, con budget di spesa che, per alcuni team, superano ampiamente i 100 milioni di Euro. Perché, vi sarete chiesti, un’azienda o una società decidono di finanziare uno sport quale la vela ed in particolar modo un team che partecipa alla Coppa America? Di risposte potrebbero essercene molte: perché un evento internazionale di questo livello può esporre ad un vasto pubblico loghi e marchi, oppure perché lo sport della vela rappresenta una simbiosi perfetta tra agonismo e natura. (…) La lettura che mi piace dare sul fatto che mi ritrovi per la seconda volta a condurre una sfida all’America’s Cup è legata alla passione. Rappresento e guido, infatti un team formato da oltre 100 persone che ha scelto, per passione, di dedicare due e più anni della sua vita a quella che apparentemente molti considerano solo una regata. Sono convinto che il lavoro svolto in questi anni non solo ci abbia portato ad una crescita tecnica ma anche e soprattutto umana”.

Il presidente ha infine ringraziato il main sponsor Capitalia e gli official partner Regione Campania, BigMat e tutti gli altri partner.

www.mascalzonelatino.it

Avatar

Written by Redazione

Pasqua 2007: esotismo, leggende, divertimento

E il sudoku diventa desing: ecco “Sudokubo” Ottaviani