Luxgallery > Fashion > AltaRoma 2019: alta moda e giovani talenti nella città eterna

AltaRoma 2019: alta moda e giovani talenti nella città eterna

Dal 24 al 27 gennaio Roma è stata il centro nevralgico della moda made in Italy con AltaRoma 2019. Quattro giorni ricchi di eventi e passerelle di grandi stilisti e nuovi talenti.

Le passerelle di AltaRoma hanno infiammato la capitale, dal 24 al 27 gennaio 2019, con un calendario ricco di eventi. Malo, Sylvio Giardina, Gattinoni sono solo alcuni degli stilisti che hanno presentato le nuove collezioni nella cornice capitolina.

Tra una sfilata e l’altra, inoltre, non sono mancati appuntamenti come Showcase, il progetto ideato da Ice Agenzia e AltaRoma per connettere le giovani realtà con buyer, giornalisti e professionisti del settore italiani e esteri e la proiezione del documentario Love Cecil, dedicato alla vita del fotografo Cecil Beaton, presentato all’ultima edizione di Pitti Uomo 95.

AltaRoma 2019, Gattinoni stupisce

Tra le collezioni di maggior rilievo troviamo, sicuramente quella di Gattinoni, che ha chiuso la Kermesse al museo Macro Asilo di via Reggio Emilia. Lo stilista Guillermo Mariotto, ha proposto una rivisitazione degli abiti storici dell’atelier, rielaborandoli e destrutturandoli per un effetto finale che lascia a bocca aperta. Per la collezione Couture primavera-estate 2019, infatti, Mariotto omaggia la manualità e l’arte artigiana, attraverso sperimentazioni che evocano figure femminili forti ed eccentriche, da Anna Piaggi a Peggy Guggenheim. «A questa e a moltissime altre donne, singolari nella loro stravagante unicità, è ispirata la mia nuova collezione – ha spiegato lo stilista – perché, a mio avviso, la vera classe, la vera eleganza, in un’era globalizzata, è l’assoluta distinzione».

sylvio giardina vertigo

Al Mattatoio, invece, il siciliano Sylvio Giardina ha presentato Vertigo, attraverso cinque capi total white, protagonisti di giochi di luce tipici della Shadow Art, la tecnica artistica di creare ambienti immersivi grazie all’illuminazione di oggetti 3D. Si tratta di un progetto a metà tra l’installazione e la performance, così illustrato dallo stilista: «Vertigo è il risultato di un processo creativo e di uno studio meticoloso, in cui l’alta sartorialità e il valore intrinseco dell’artigianalità della nuova collezione Primavera-Estate 2019 vengono esaltati dalla struttura immersiva dell’installazione, che trascina lo spettatore in una vertigine audio-visiva, dove lo spazio e il tempo non esistono».

vertigo altaroma

AltaRoma 2019: passerella di creatività e nuovi talenti

Minigonne, seta, pelle e gambe in vista per la prima passerella romana della stilista Federica Tosi, molto apprezzata dalle celebrities. Linee pulite su tessuti a contrasto, che vanno dalla seta alla pelle, colori che variano dal rosso acceso alle tinte neutre del bianco e del beige. Sono questi gli ingredienti per un inconfondibile stile urban chic, che non rinuncia mai a una buona dose di femminilità.

altaroma sfilata koefia

Tra le novità in passerella, anche le collezioni presentate dalle scuole di moda. Gli studenti dell’Accademia di Costume e Moda hanno presentato ventidue capsule da sei capi ciascuna, per aggiudicarsi il premio Pitti Tutorship Reward 2019, volto a creare un punto di contatto tra mondo del lavoro e giovani talenti. L’Accademia Koefia ha stupito, invece, con Get Black, una collezione ispirata agli anni Settanta.

«Noi siamo incubatori – ha spiegato Silvia Venturini Fendi, presidente di Altaroma – Scopriamo, aiutiamo, sosteniamo i giovani e i nuovi talenti e li prepariamo ad affrontare le sfide più importanti. Poi un giorno, magari, potranno sfilare a Milano o presentare le loro collezioni, chissà, a Firenze».