Allegrini, eccellenza made in Italy

Dalla Valpolicella alla Toscana

Abbiamo conosciuto Allegrini all’interno delle Le Famiglie dell’Amarone d’Arte.

Siamo in Valpolicella, a Fumane per la precisione. Qui da generazioni la Famiglia Allegrini fa della coltivazione della vite, della vinificazione delle uve e dell’ospitalità la propria ragion d’essere.

Sfide sempre crescenti hanno trasformato i sogni in realtà e così l’Azienda negli anni è cresciuta fino a diventare oggi il produttore leader della Valpolicella Classica, una delle realtà vinicole italiane più premiate e riconosciute nel mondo.

Marilisa Allegrini

Fin dal XVI secolo i componenti della famiglia Allegrini sono stati fra i protagonisti della storia della Valpolicella .

Il capostipite della nuova generazione è stato Giovanni Allegrini, tra i primi a mettere in discussione la viticoltura locale, trasformando le abitudini consolidate e parlando con chiarezza di “qualità”.

Dopo la prematura scomparsa di Giovanni, avvenuta nel 1983, l’eredità aziendale è passata nelle mani dei tre figli: Walter, responsabile della conduzione viticola purtroppo scomparso nel 2003, Franco, enologo, e Marilisa, responsabile del marketing e volto dell’Azienda nel mondo, e così ha inizio la nuova era di Allegrini.

Oggi l’Azienda produce all’incirca 3,6 milioni di bottiglie all’anno rendendo omaggio alla storia del territorio in cui sono fortemente radicati attraverso vini di altissima qualità.

Si parte dall’esaltazione dei vini della Valpolicella Classica (Corvina e Corvinone, Rondinella, Molinara, Oseleta) per arrivare a nettari più morbidi e sensuali, come: Palazzo della Torre, La Grola, Villa Giona, La Poja, l’Amarone e il Recioto.

Sette i vigneti.
Palazzo della Torre, situato a Fumane, in zona pedecollinare, prende il nome dall’adiacente Villa della Torre, importante e raffinata testimonianza del Rinascimento italiano, oggi anch’essa proprietà Allegrini. La Grola, podere storico della Valpolicella, situato nel comune di Sant’Ambrogio. Annesso a questo terreno, La Poja vigneto, di soli 2,65 ettari, identificato da Giovanni Allegrini come il luogo ideale per la produzione di una grande Corvina in purezza.
Passiamo poi a Villa Giona situato nel Comune di San Pietro in Cariano, il cui vigneto copre una superficie di 5 ettari.

Villa Cavarena è uno dei nuovi progetti della famiglia Allegrini. Acquistato nel 1998 in completo stato di abbandono diventerà, a breve, uno dei vigneti più importanti della Valpolicella per estensione e prestigio. Nello stesso comune, Mazzurega, sorge anche Fieramonte, vecchio podere recentemente ristrutturato affacciato sulle vallate della Valpolicella Classica.

In fine Monte dei Galli. Siamo nel comune di San Pietro in Cariano ad un’altitudine di circa 200 m s.l.m. e si estende per una superficie di circa 10 ettari.

Allegrini- vigneto La Grola

La passione per il vino e lo spirito imprenditoriale hanno portato Allegrini al di fuori dei confini della Valpolicella, in Toscana per la precisione.
Nel 2001, a Bolgheri, è nato Poggio al Tesoro e nel 2007, a Montalcino, San Polo, due aziende vinicole di primissimo livello anch’esse sinonimo di eccellenza made in Italy.

www.allegrini.it

Avatar

Written by Francesca

Olimpiadi 2012 Alberto Guardiani

Tod’s per il Colosseo, via libera