Agatha Ruiz de la Prada in un libro

Presentata la biografia della stilista spagnolaMercoledì 10 Marzo, presso il negozio in via Maroncelli a Milano, è stata presentata la biografia della stilista Agatha Ruiz de la Prada, scritta dalla giornalista spagnola, Dolors Massot; in queste pagine, l’autrice ha saputo ricreare il mondo colorato della “regina di cuori”, attraverso la descrizione del suo rapporto con l’arte, la cultura, la moda e il design.

Il libro contiene episodi biografici inediti della stilista spagnola, del suo lavoro e della sua vita al di là del mondo della moda: le sue origini aristocratiche, il suo rapporto con i colori e con il volume, la movida di Madrid, la Pop Art, l’Espressionismo astratto ed il Surrealismo.

Questo scritto analizza, quindi, la chiave del successo dell’estrosa stilista, con lo scopo di  comprendere il fenomeno che ha reso il marchio Agatha Ruiz de la Prada uno dei più famosi e internazionali della moda.

Nel primo capitolo l’autrice ripercorre la vita della stilista attraverso una lunga intervista sull’infanzia, il rapporto con i genitori e le sorelle, il legame con la movida madrilena e in particolare con Almodovar, l’inizio dei suoi studi a Madrid, le sue opinioni su lusso e colore…

Poi viene approfondito il suo legame con il potere politico: Agatha Ruiz de la Prada infatti ha vestito vari ministri spagnoli, ha assistito ai matrimoni dei principi di Spagna, con alcune delle sue mise davvero uniche.

Un altro capitolo è dedicato al colore, così importante nel mondo di Agatha, la quale sostiene che i medici stessi lo prescrivono contro la depressione.

Successivamente si parla del suo rapporto con l’arte e dell’influenza che questa ha avuto nelle sue creazioni: la Pop Art di Andy Warhol, l’Espressionismo astratto americano e il Surrealismo sono fondamentali nel mondo della designer spagnola.

Infine, l’autrice riporta un’intervista con Fernando Aguirre, ex direttore della Maison, che rivela i motivi che hanno reso grande Agatha Ruiz de la Prada.

Written by Monica

Firenze capitale della buona tavola

Festa del papà all’insegna del charity