Avventure tra Mali e Senegal

Un viaggio African Explorer  Un viaggio itinerante di 14 giorni alla scoperta dei siti più belli del Mali e le splendide acque che bagnano il West Africa, in Senegal, terre fatte non solo di deserto e sole, ma anche di splendide costruzioni architettoniche, di etnie custodi di ancestrali segreti e antiche nozioni astronomiche e di coloratissimi mercati: è la proposta avventurosa della African Explorer.

L’itinerario racconta due Stati molto diversi tra loro. Il ‘tradizionale’ Mali è uno tra i paesi più interessanti dal punto di vista etnografico ed è privo di accessi al mare, è prevalentemente pianeggiante, con il deserto a nord e la savana al sud. Situato alle porte dell’Africa Nera, ma strettamente legato al deserto che ne occupa la maggior parte del suo territorio, affascina con la magia del suo sontuoso passato e dei suoi sahariani orizzonti, dando così la possibilità di ritrovare l’Africa delle origini dove la vita è rimasta quella di sempre.
Dopo il viaggio in questa splendida terra non resta che prendersi una pausa riflessiva con quattro giorni di riposo nella bellissima stazione balneare di Saly, con sole e mare sulla costa senegalese, ricostruita a livello internazionale e situata sulle rive sabbiose della Petite Cote, sull’oceano Atlantico. Numerose sono le attività balneari e turistiche che propone la stazione di Sali, dalla pesca al windsurf, allo sci nautico, all’equitazione e la possibilità di organizzare escursioni direttamente in loco. Il Senegal è un autentico caleidoscopio di paesaggi lussureggianti e d’interminabili superfici cosparse di baobab centenari, presentando così un’infinità d’ambienti naturali. Situato tra il Sahel a nord e la grande foresta tropicale, è attraversato da quattro fiumi provenienti dal massiccio del Fouta Djalon, in Guinea: il fiume Senegal che ha attribuito il nome al paese, il Gambia, il Saloum e il Casamance. Forte di una grande tradizione democratica, con istituzioni forti, la repubblica del Senegal è uno dei paesi più stabili del continente.

Dall’incredibile Falesia di Bandiagara dove i Dogon vivono arroccati in case a strapiombo sulla piana desertica, al brulicare dei mercati di Mopti e Djennè dove si incontrano le mille etnie di questo sterminato paese, alla storia e all’architettura di Mopti, Segou e Bamako, il viaggio porta sulle tracce di una cultura millenaria, fino ad arrivare sulle bianche spiagge senegalesi. L’itinerario è soprattutto uno sguardo sul West Africa, l’altro volto del Continente nero, quello degli uomini, delle etnie, dei riti ancestrali, dove la natura ha la struggente bellezza dei deserti e dell’oceano profondo, blu, forte.

www.africanexplorer.com

Avatar

Written by Redazione

Azimut 47 e Azimut 39 al Salone Nautico

2 emme marine: l’eccellenza della vela