Acconciature anni ’70: per preparaci con stile al periodo invernale

Capelli cotonati sopra la testa ma mossi e un po’ spettinati, gli anni ’70 hanno decisamente segnato la storia della moda

Favolosi anni ’70, tornano a dominare le tendenze di moda e beauty a periodicità. In ambito acconciature, in particolare, come dovremmo pettinarci? Gli anni 70 hanno segnato un cambiamento epocale nelle mentalità. Un vento nuovo soffiava in ogni campo e soprattutto nella moda. Per quanto riguarda i capelli ci viene subito in mente il brushing glamour delle “Charlie’s Angels”.

Ricci ondulati

Lungo o di media lunghezza, il capello versione anni ‘70 punta sul riccio e sulle onde. Come ad esempio, le acconciature vaporose e dal forte potenziale chic alla Wonder Woman.

Biondo platino

Negli anni ‘70 si assiste alla “democratizzazione” delle colorazioni. Si iniziano ad usare, infatti, tecniche più semplici e dai prezzi più accessibili. Così tutte le donne che hanno sempre sognato di essere bionde possono finalmente realizzare i loro desideri. Negli anni 70 è il biondo platino a dettar legge, per acconciature molto femminili come quelle della francese Brigitte Bardot.

Volume

Gli anni ’70, infatti, sono quelli in cui un’artista come Donna Summer emergeva con la sua disco dance, con una chioma in stile afro super cotonata e, subito imitata non solo dalle afroamericane ma dalle donne di tutto il mondo. In un’epoca che possiamo definire eccessiva, dunque, la parola d’ordine per quanto riguarda i capelli, sia lunghi che corti, era proprio: volume. Cotonando i capelli con l’ausilio di un pettine, ciocca per ciocca, e aiutandosi anche con i prodotti volumizzanti.

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Bella Hadid: come portare i capelli d’estate senza complicarci la vita

Sandali capresi: elemento chic da tenere nel nostro guardaroba