2018, al via l’Anno del Cibo Italiano: “una nuova occasione per valorizzare il nostro territorio”

Il 2018 è l’Anno del Cibo Italiano: a presentare l’iniziativa sono stati Franceschini e Martina

Il Ministro Dario Franceschini e il Ministro Maurizio Martina hanno presentato pochi giorni fa l’Anno del Cibo Italiano, iniziativa che – collateralmente a quelle degli anni precedenti – punta a valorizzare e promuovere il territorio italiano nella sua unicità.

In particolare, l’Anno del Cibo Italiano punterà sulla valorizzazione dei riconoscimenti Unesco legati al cibo come la Dieta Mediterranea, la vite ad alberello di Pantelleria, i paesaggi della Langhe Roero e Monferrato, Parma città creativa della gastronomia e all’Arte del pizzaiuolo napoletano iscritta di recente. Sarà l’occasione per il sostegno alla candidatura già avviata per il Prosecco e la nuova legata all’Amatriciana. Allo stesso tempo saranno attivate iniziative per far conoscere e promuovere, anche in termini turistici, i paesaggi rurali storici, per il coinvolgimento e la promozione delle filiere e ci sarà un focus specifico per la lotta agli sprechi alimentari.

“Dopo il successo del 2016 Anno nazionale dei cammini e del 2017 Anno nazionale dei borghi, il 2018 sarà l’Anno del cibo italiano. Un’occasione importante per valorizzare e mettere a sistema le tante e straordinarie eccellenze e fare un grande investimento per l’immagine del nostro Paese nel mondo. Grazie alla collaborazione dei Ministeri della Cultura e dell’Agricoltura, l’Italia potrà promuoversi anche all’estero in maniera integrata e intelligente valorizzando l’intreccio tra cibo, arte e paesaggio che è sicuramente uno degli elementi distintivi dell’identità italiana” – ha commentato Dario Franceschini.

Written by Rebecca Fassone

amazon go

Amazon lavora al camerino 2.0: l’intelligenza artificiale al servizio dello shopping online

Paris Hilton, il video del “sì” a Chris Zylka: proposta di matrimonio da 2 milioni di dollari