21 aprile 2011

World’s Best Restaurants 2011

Massimo Bottura, il primo degli italiani

Lo chef Massimo Bottura – Osteria Francescana, Modena

E’ stata presentata a Londra la San Pellegrino World’s 50 Best Restaurants 2011, la prestigiosissima guida realizzata grazie al contributo di oltre 800 protagonisti della ristorazione internazionale.

“La classifica di quest’anno sfoggia un incredibile elenco di ristoranti appartenenti a un’area geografica ancora più ampia rispetto agli anni precedenti e riconosce l’influenza di paesi dalla gastronomia emergente, quali il Perù e la Russia. – ha dichiarato William Drew, editore della rivista Restaurant che, dal 2002, organizza il premio – Porgiamo i nostri più calorosi complimenti a René Redzepi per essere riuscito nella difficile impresa di rimanere il numero uno della nostra classifica, sottolineando così il suo impegno a ridefinire la cucina nordica”.

Al primo posto si riconferma il ristorante danese Noma dello chef René Redzepi. Escluso dalla classifica il leggendario El Bulli prossimo alla chiusura, al secondo e terzo posto si posizionano gli spagnoli El Celler de Can Roca e Mugaritz.
Al quarto posto di questa prestigiosa classifica, guadagnando due posizioni rispetto allo scorso anno, troviamo il ristorante italiano Osteria Francescana capitanata dallo chef Massimo Bottura che a fine gennaio era stato incoronato “miglior chef del mondo” dall’Accademia Internazionale della Cucina di Parigi.

Per Bottura i riconoscimenti non finiscono qui, infatti, lo Chef italiano si è aggiudicato uno tra i premi più ambiti della serata ovvero lo Chefs’ Choice, che come suggerisce il nome è indicato dai colleghi.
“Essere considerati così positivamente da chi condivide questa professione è straordinario - ha commentato Botturacosì come è straordinario quello che realizzano i ragazzi del mio staff. I tanti sacrifici che sostengono ogni giorno vengono poi ripagati. Il nostro è completamente un lavoro di squadra”.

Tra gli altri italiani nella top 50 troviamo Combal Zero, il ristorante milanese Cracco che fa il suo rientro in classifica, piazzandosi in 33° posizione, Le Calandre, Dal Pescatore e Il Canto.

Ecco la classifica completa:
1 – Noma in Danimarca
2 – El Celler De Can Roca in Spagna
3 – Mugaritz in Spagna
4 – Osteria Francescana in Italia
5 – The Fat Duck in Inghilterra
6 – Alinea in USA
7 – DOM in Brasile
8 – Arzak in Spagna
9 – Le Chateaubriand in Francia
10 – Per Se in USA
11 – Daniel in USA
12 – Les Creation De Narisawa in Giappone
13 – L’Astrance in Francia
14 – L’atelier de Joel Robuchon in Francia
15 – Hof Van Cleve in Belgio
16 – Pierre Gagnaire in Francia
17 – Oud Sluis in Olanda
18 – Le Bernardin in USA
19 – L’Arpege in Francia
20 – Nihonryori Ryugin in Giappone
21 – Vendome in Germania
22 – Steirereck in Austria
23 – Schloss Schauenstein in Svizzera
24 – Eleven Madison Park in USA
25 – Aqua in Germania
26 – Quay in Australia
27 – Iggys in Singapore
28 – Combal.Zero in Italia
29 – Martin Berasategui in Spagna
30 – Bras in Francia
31 – Biko in Messico
32 – Le Calandre in Italia
33 – Ristorante Cracco in Italia
34 – The Ledbury in Inghilterra
35 – Chez Dominique in Finlandia
36 – Le Quartier Francais in Africa
37 – Amber in Cina
38 – Dal Pescatore in Italia
39 – Il Canto in Italia
40 – Momofuku Ssam Bar in USA
41 – St John in Inghilterra
42 – Astrid Y Gaston in Peru
43 – Hibiscus in Inghilterra
44 – La Maison Troisgros in Francia
45 – Alain Ducasse au Plaza Athenee in Francia
46 – De Librije in Olanda
47 – Hotel de Ville in Svizzera
48 – Varyary in Russia
49 – Pujol in Messico
50 – Etxebarri in Spagna

www.theworlds50best.com

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.