2 maggio 2012

World’s Best Restaurants 2012

Bottura si riconferma primo fra gli italiani

World’s Best Restaurants 2012 – Brigata del Noma di Copenhagen

Qualche giorno fa vi abbiamo annunciato l’assegnazione del Premio Veuve Clicquot “Best Female Chef” a Elena Arzak.

Durante la serata del 30 aprile sono stati presentati i World’s Best Restaurants 2012 la prestigiosa classifica sponsorizzata da San Pellegrino e Acqua Panna punto di riferimento per i gourmet di tutto il mondo.

Per il terzo anno consecutivo, NOMA di Copenhagen capitanato dallo Chef Rene Redzepi, si è aggiudicato il titolo di migliore ristorante al mondo.
Commosso Redzepi ha presentato tutta la sua squadra e ha lasciato fare il discorso di ringraziamento al lavapiatti del ristorante. Un riconoscimento per Ali che lo scorso anno non aveva potuto partecipare alle premiazioni a causa di questioni burocratiche ed era apparso sulle t-shirt indossate dalla brigata danese.
Fra i 100 personaggi più influenti del pianeta secondo il TIME , Rene Redzepi a 34 anni è un vero e proprio punto di riferimento del movimento New Nordic Cuisine elevando ingredienti scandinavi a re e regine dell’haute cuisine.

Lo Chef Rene Redzepi Noma di Copenhagen

L’Italia, ben rappresentata anche quest’anno, subisce un piccoso arresto nella scalata mondiale. Massimo Bottura con Osteria Francescana è 5° ( – 1 rispetto al 2011 ), Le Calandre dei fratelli Alajmo mantiene salda la 32° posizione, mentre è 46° ( – 7 rispetto al 2011 ) Il Canto con Paolo Lopriore.
Tra gli italiani fuori dai primi 50 ma comunque in classifica: Cracco a Milano alla posizione numero 55, Combal Zero a Rivoli alla 59, Dal Pescatore a Canneto al 70 e infine il Piazza Duomo a Alba new entry al 89esimo posto, una bella soddisfazione per il giovane e talentuoso Chef Enrico Crippa.

Chef Enrico Crippa Piazza Duomo di Alba - new entry in classifica

28 sono le nazioni rappresentate con un loro locale tra i top 50 ma l’Europa rimane la presenza dominante nella classifica 2012. La Francia è rappresentata da 7 ristoranti francesi, 5 dei quali si trovano fra i primi 20 mentre la Spagna può vantare (come lo scorso anno) 5 ristoranti fra i primi 50 fra cui Arzak, in posizione n°8.
L’Inghilterra si aggiudica la new entry più importante con l’inserimento in classifica del Dinner di Heston Blumenthal al 9° posto e il premio Highest Climber, con un salto di ben 20 posizioni, al The Ledbury di Londra capitanato dallo Chef australiano Brett Graham oggi alla posizione n°14.

The Chefs’ Choice award, ovvero il premio che uno chef riceve grazie alle segnalazioni dei colleghi in classifica, è stato assegnato a Andoni Luis Aduriz del Mugaritz di San Sebastian. Mentre La Grenouillère, ristorante a nord della Francia diretto da Alexandre Gauthier, si aggiudica il premio One To Watch 2012. Oggi il ristorante è alla posizione n° 81 ma c’è da scommettere che Gauthier farà parlare di sè.
Intanto il One To Watch 2011, il Frantzén/Lindeberg di Stoccolma, non ha deluso le aspettative ed è salito di 37 posti, raggiungendo la ventesima posizione.

Una novità di quest’anno è stata l’introduzione del premio Slow Food UK Award assegnato al ristorante Steirereck di Vienna, in Austria.

Come sempre a votare un piccolo esercito di ristoratori, gastronomi e giornalisti, 837 per la precisione. “Una classifica, unica nel suo genere, che ha il pregio di mettere a confronto le migliori insegne di tutti i continenti individuando i nuovi protagonisti di un ambiente naturalmente mutevole e creativo come la cucina” dicono gli organizzatori.

Ma ecco la classifica con i primi cinquanta World’s Best Restaurants:
1) Noma – Copenhagen (Best in Europe)
2) El Celler De Can Roca – Girona
3) Mugaritz – San Sebastian
4) D.o.m. – Sao Paulo (Best in South America)
5) Osteria Francescana- Modena
6) Per Se – New York (Best in USA)
7) Alinea – Chicago
8) Arzak – San Sebastian
9) Dinner, Heston Blumenthal, Mandarin Oriental – London (new entry)
10) Eleven Madison Park – New York
11) Steirereck – Vienna
12) L’atelier De Joel Robuchon Paris – Paris
13) The Fat Duck – Bray
14) The Ledbury – London (Highest Climber – up 20)
15) Le Chateaubriand – Paris
16) L’arpege – Paris
17) Pierre Gagnaire – Paris
18) L’astrance – Paris
19) Le Bernardin – New York
20) Frantzén/lindeberg – Stockholm (new entry)
21) Oud Sluis – Sluis
22) Aqua – Wolfsburg
23) Vendome – Bergisch Gladbach
24) Mirazur – Menton
25) Daniel – New York
26) Iggy’s – Singapore (Best in Asia)
27) Les Creation De Narisawa – Tokyo
28) Nihonryori Ryugin – Tokyo
29) Quay – Sydney (Best In Australia)
30) Schloss Schauenstein – Fürstenau
31) Asador Etxebarri – Atxondo
32) Le Calandre – Rubano
33) De Librije – Zwolle
34) Fäviken Magasinet- Jarpen (new entry)
35) Astrid Y Gaston – Lima
36) Pujol – Mexico City
37) Momofuku Ssam Bar – New York
38) Biko – Mexico
39) Waku Ghin – Singapore (new entry)
40) Quique Dacosta Restaurant – Denia (new entry)
41) Mathias Dahlgren – Stockholm
42) Hof Van Cleve – Kruishoutem
43) The French Laundry – Yountville
44) Amber – Hong Kong
45) Vila Joya – Albufeira (new entry)
46) Il Canto – Siena
47) Bras Restaurant – Laguiole
48) Manresa – Los Gatos
49) Geranium – Copenhagen (new entry)
50) Nahm – Bangkok (new entry)

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.