3 settembre 2016

Vini pregiati italiani: i 5 più apprezzati all’estero

I vini made in Italy stanno dando del filo da torcere a quelli dei cugini francesi: ecco i vini pregiati italiani più apprezzati all'estero

Il made in Italy è senza dubbio uno dei settori trainanti dell’economia in questo periodo difficile e le esportazioni all’estero dei prodotti sono fondamentali; in particolare sono i cibi italiani ad essere estremamente richiesti e tra di essi ci sono i vini pregiati che stanno dando non poco filo da torcere ai prodotti dei cugini francesi. Quali sono però i vini pregiati italiani maggiormente richiesti e apprezzati all’estero? Eccone cinque che sono diventati un vero simbolo della qualità del made in Italy nei paesi stranieri.

Per quel che riguarda i vini rossi italiani, i più pregiati e apprezzati all’estero sono certamente il Barolo della zona piemontese ma anche il Chianti del centro Italia e il Lambrusco. Si tratta infatti di tre prodotti molto forti in Italia come all’estero per la loro qualità tanto che il marchio nostrano più amato all’estero è il Barolo Collina Rionda di Bruno Giacosa: la bottiglia costa 929 euro.

Se invece siete più interessati ai vini bianchi, i più pregiati e richiesti all’estero sono il Vermentino, in forte crescita, e un classico ovvero il Prosecco. Il nostro vino non è diventato improvvisamente solo più buono, ma anche più conosciuto e apprezzato nel mondo. Più lo si trova, più lo si considera degno di essere pagato anche a caro prezzo ha spiegato Giulio Filippo Bolaffi, amministratore delegato del noto gruppo torinese d’aste che dal 2014 opera anche nella galassia delle enoteche.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.