Luxgallery > Celebrità > Vanessa Incontrada sogno proibito di Tiberio Timperi: imbarazzante ammissione in diretta tv

Vanessa Incontrada sogno proibito di Tiberio Timperi: imbarazzante ammissione in diretta tv

Vanessa Incontrada sogno proibito di Tiberio Timperi: imbarazzante ammissione in diretta tv a "La vita in diretta". Ecco come ha reagito l'affascinante showgirl e attrice spagnola

Vanessa Incontrada passione segreta di Tiberio Timperi. La notizia è trapelata ieri pomeriggio 13 settembre proprio mentre il conduttore di La vita in diretta intervistava, ospiti in studio, l’attrice e conduttrice spagnola in compagnia del collega Lino Guanciale, che parlavano della messa in onda della fiction di cui sono protagonisti, “Non dirlo al mio capo 2”.

Durante la simpatica intervista, Timperi s’è lasciato andare ad una confidenza a dir poco intima e che ha spiazzato la bella Vanessa, la quale ha cercato di ‘glissare’ con qualche risata e dicendo di non ricordare l’episodio citato dal conduttore. La vicenda narrata risale a circa 20 anni fa, quando una giovanissima Incontrada gli avrebbe dato il due di picche rifiutando un invito a cena che Tiberio Timperi le avrebbe fatto al telefono. “Io quel ‘no’ ancor oggi me lo ricordo e rivolgo gli occhi al cielo quando ci penso”, ha aggiunto uno stranamente estroverso conduttore, che ha ammesso il debole per l’allora emergente showgirl, suo ideale di “donna da sposare”.
Una confessione tardiva, la sua, alla bella Vanessa Incontrada, che rappresenta il suo tipo ideale di compagna. L’idea di Timperi di invitarla ad uscire risalirebbe all’epoca in cui lui conduceva Uno Mattina, mentre parlavaal telefono con la co-conduttrice Roberta Capua che in quel momento si trovava proprio insieme alla Incontrada. In quel momento Tiberio ebbe l’ardire di dirle “Passami il telefono, vorrei parlare con Vanessa” poi “ti ho invitato a cena fuori ma tu hai detto ‘No’ e poi hai riagganciato”. Imbarazzo in studio, Vanessa ha riso e, visibilmente in difficoltà, ha detto di non ricordare affatto l’episodio. Dobbiamo crederci?