12 novembre 2015

Trussardi, moda donna primavera estate 2016

Eleganza understatement tra abiti portabili e materiali preziosi

Trussardi, moda donna primavera estate 2016

Durante la quinta giornata di Milano Fashion Week, tra i tanti big saliti in passerella, troviamo Trussardi.

Gaia Trussardi firma una collezione moda donna primavera estate 2016 ispirata al viaggio e in particolare alle mise delle tribù nomadi tra look rilassati e colori della terra.

Un allure già noto alla maison del Levriero. Per la prossima stagione calda la rampolla di casa Trussardi porta infatti sulla passerella capi presi dall’archivio di famiglia e rivisitati attraverso immagini rubate al cult movie Tracks.

In scena salgono tailleur lunghi e fluidi, spolverini da sovrapporre come t-shirt, pantaloni ampi, gilet con le frange, blazer su misura a cui si aggiunge l’expertise e l’artigianalità di Trussardi. Per essere sexy insomma non bisogna necessariamente indossare capi fascianti, anzi.

Grande l’attenzione ai materiali, sempre preziosi. E così gli outfit della primavera estate 2016 di Trussardi uniscono serpente, nappa, camoscio e seta lavata. Il tutto trattato con leggerezza donando ulteriore femminilità a mise dalle linee confortevoli.

Trussardi si conferma essere la maison del lusso understated facendosi portavoce di un’eleganza che non passa mai di moda.

La donna della maison del Levriero completa il suo look con scarpe maschili, dalle stringate agli anfibi, e con borse rigide in pelle intrecciata. Non mancano naturalmente anche gli occhiali da sole.

Gaia Trussardi, Trussardi, moda donna primavera estate 2016

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.