24 novembre 2015

Triennale: in mostra la Moda

Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana

Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana – Triennale

Ha inaugurato oggi in Triennale a Milano una mostra davvero da non perdere che riunisce più di cento vestiti, accessori e fotografie di moda realizzati in Italia dal 1998 ad oggi.

Fino al 6 marzo 2016, Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana racconterà infatti, nella splendida cornice del museo meneghino, il meglio della moda italiana, fatta in Italia e sinonimo di eccellenza nel mondo.

Grandi nomi? Anche, ma soprattutto talentuose promesse che hanno avviato la loro attività dopo 1998. Un anno chiave in cui, anche nel fashion system, irrompe il web e dieci anni prima della grande crisi globale del 2008, che come ben sappiamo ha messo in crisi i paradigmi economici, sociali e culturali della post-modernità.

Curata da Paola Bertola e Vittorio Linfante, Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana vuole fare il punto della situazione sugli ultimi 20 anni attraverso le selezione di 111 nomi italiani o prodotti in Italia.
Ci sono abiti, accessori, illustrazioni e fotografie di stilisti e artisti emergenti e già conosciuti, tutti italiani e selezionati grazie al lavoro dei curatori in collaborazione con il Comitato Scientifico della mostra, presieduto da Eleonora Fiorani e composto da Silvana Annicchiarico, Gianluca Bauzano, Patrizia Calefato, Enrica Morini, Domenico Quaranta e Salvo Testa, e un nutrito gruppo di “advisor” esperti del mondo della moda.

Da Albino a Vivetta. Con Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana i protagonisti della storia recente del made in Italy vengono raccontati in un percorso innovativo dalla A alla Z.Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana -Alessandro Scognamigli con Eva Riccobono

Tre le macro sezioni in cui si articola Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana: vocabolario, dove gli oggetti sono organizzati intorno a concetti chiave; narrazioni, dedicata a fotografia, illustrazione, nuovi media, editoria, video-arte; biografie, con le storie dei singoli stilisti e marchi.

I visitatori vengono accompagnati lungo un percorso organizzato per parole chiave con installazioni che mostrano il prodotto e il relativo processo creativo.
Dal prêt-à-porter allo streetwear, dalle calzature agli occhiali, dai bijoux ai cappelli: un inedito vocabolario di stile e produttività dei marchi e dei creativi che negli ultimi 20 anni hanno saputo rinnovare e recuperare il DNA culturale, tecnico e tecnologico della tradizione, riscrivendolo in un linguaggio del tutto originale.

“La cosa che ci ha molto interessato – ha spiegato Paola Bertola è stata proprio scoprire che esiste una generazione che ha saputo cogliere quella che è stata la lezione più importante dei maestri del design italiano, in questo caso ci troviamo in un contesto in cui chi è oggi in questa mostra ha avuto ottimi maestri, tutti loro sono cresciuti all’interno degli uffici stile delle aziende italiane, quindi hanno in qualche modo saputo cogliere questa lezione e proiettarla con una certa freschezza nel futuro”.

Dedicata alla memoria di Elio Fiorucci, scomparso pochi mesi fa, tra i protagonisti de Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana ci sono Andrea Incontri, Andrea Pompilio, Alessia Xoccato, Fausto Puglisi, Marcobologna, Charline De Luca, Arthur Arbesser, Gentucca Bini, Gabriele Colangelo, Luca Larenza, Paula Cademartori, Paolo Errico, Lucio Vanotti, Sara Lanzi, Msgm, Miaoran e Italia Independent.

Il percorso espositivo è curato dall’architetto milanese Martino Berghinz, la comunicazione visiva è affidata allo studio Zeta_lab.

Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana

Triennale di Milano
Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana
24 novembre 2015 – 6 marzo 2016
Ingresso: 8,00 euro
Biglietto unico per tutte le mostre 10,00 euro
www.triennale.org

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.