17 dicembre 2015

Tiffany, una boutique nel cuore di Venezia

Apertura la prossima primavera

Tiffany

La prossima primavera, Tiffany & Co. inaugurerà il suo nono punto vendita in Italia in una delle città più magiche della Penisola.

Il marchio a stelle e strisce ha scelto niente di meno che Venezia per il suo ennesimo opening made in Italy.

Lo spazio, con una superficie di 238 metri quadrati su un solo piano, impreziosirà Calle Vallaresso, nei pressi della storica Piazza San Marco.

“La bellezza e il patrimonio culturale di Venezia attraggono turisti da tutto il mondo. Aprire un negozio in questa famosa città rafforza il nostro impegno a sviluppare e incrementare le vendite in tutta Europa. Invitiamo tutti a scoprire i nostri gioielli e orologi e a vivere l’esperienza di un acquisto da Tiffany, un brand all’avanguardia per fascino e stile”, ha detto Florence Rollet, Group Vice President di Tiffany & Co.

Una volta entrati nella boutique, i visitatori saranno accolti dall’atmosfera che riflette la tradizione della maison di gioielli di New York fondata nel 1837, tanto amata in tutto il mondo.

Architetti e interior designer hanno saputo combinare motivi d’archivio e arredi lussuosi per creare un ambiente spazioso ed elegante, perfetto per le svariate collezioni di gioielli, nelle quali risaltano le pietre preziose e i diamanti più belli del mondo, accanto a raffinati gioielli iconici dall’eleganza moderna.

Tiffany, presente a Milano, Roma, Firenze, Verona e Bologna ha aperto il suo primo negozio in Italia nel 1989; quello di Venezia, sarà il primo store del brand sul Canal Grande.

Tiffany a Venezia

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.