Luxgallery > Tempo Libero > Spettacoli > Teatro > Teatro alla Scala, un convegno su Puccini per la Madama Butterfly

Teatro alla Scala, un convegno su Puccini per la Madama Butterfly

In vista della Prima al Teatro alla Scala, è in programma un convegno su Puccini e la sua Madama Butterfly

Teatro-alla-Scala

In occasione della messa in scena della Madama Butterfly per la Prima alla Scala del 7 Dicembre, il teatro milanese organizza un convegno internazionale su Giacomo Puccini a cura di Franco Pulcini e in collaborazione con il Centro Studi Giacomo Puccini di Lucca. Questo momento di studio e dibattito internazionale sarà solo il primo di un ricco programma di eventi organizzati in vista della Prima alla Scala con la Madama Butterfly per la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Alvis Hermanis.

Il convegno su Giacomo Puccini si terrà al Teatro alla Scala nei giorni 10 e 11 Novembre 2016: dopo i saluti d’apertura di Simonetta Puccini e Gabriella Biagi Ravenni, la riflessione sul compositore lucchese verrà portata avanti dagli interventi di Virgilio Bernardoni, Riccardo Chailly, Michele Girardi, Elvio Giudici, Arthur Groos, Herbert Handt, Dieter Schickling e Julian Smith. Durante il convegno si parlerà dell’esperienza ventennale del Centro Studi Giacomo Puccini e dei risultati ottenuti ma anche dell’inganno e dell’illusione messi in scena nella prima Madama Butterfly della Scala (1904).

L’ambientazione nipponica della Madama Butterfly offre a Milano la possibilità di inserirsi nel quadro delle celebrazioni per i 150 anni delle relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone allestendo anche una mostra collaterale alla Prima del 7 Dicembre. Dal titolo “Madama Butterfly, l’Oriente ritrovato. Foujita e Asari per Puccini”, l’esposizione avrà come scopo quello di ripercorrere le tappe principali della storia scaligera di Madama Butterfly documentando alcuni allestimenti storici, il primo dei quali risale proprio al 1904. Nel percorso espositivo anche bozzetti e figurini firmati da Carlo Songa e Vittorio Rota, il primo spartito e le cartoline disegnate da Metlicovitz per l’occasione.