9 giugno 2009

Scarpe, fashion e trend per Lei

Le tendenze per la primavera-estate 2010

Scarpe, fashion e trend per Lei

Veniamo alla seconda parte della nostre anticipazioni sulla moda calzature per la primavera-estate 2010, così come emerso dalle ricerche condotte Aldo Premoli, coordinatore del Comitato Moda SMI, per ANCI con le tendenze Calzatura Donna Primavera-Estate 2010.

I trend sono quattro e per tutti l’attenzione si concentra su ciò che è naturale, senza rinunciare ai materiali tecnici. I colori sono ora opachi ora neutri, ora fluo. Le altezze sono ancora senza soluzione di continuità: da altissime con plateau, alla ballerina black/white – ma di neri esistono almeno 140 nuance differenti. I must saranno confort e slancio e l’altezza una nuova arma di seduzione tutta femminile. 

Urban chic marina, molto Coté.
Vitalità e mood sofisticato per una donna che non rinuncia ai colori. A fare da modello sono le grandi dive degli anni Trenta e le donne dell’Occupazione del ‘44, con le labbra rosse carnose e i capelli a rolle. Oggi quei modelli di bellezza hanno sfilato sulla Croisette di Cannes, in un ritorno di quel mood “della Grande ERRE”, dove la sigla sta per Recessione. E quindi? Labbra e unghie rosse, piedi curatissimi. Le scarpe si fanno rigorosamente aperte. I sandali hanno forme montanti e piattaforme importanti, i mocassini sono aperti, le decorazioni ci sono ma senza esagerare. E i colori? Tocchi oro ossidato, i classici neutri bianco, canapa, sabbia, mandorla e i “marinari” blu, rosso lino e ottone marino.

- Vertical Garden, ovvero, tutto ciò che è natura.
Se gli alberghi extralusso sono ecosostenibili e i motori più rombanti si fanno “bio”, ecco che il trend ricalca lo stile “giardino super-chic”. Ispirate al workwear, le divise da lavoro si accostano al militare e alla scarpa comoda, che va dal modello svettante con plateau, al tacco mimetico- fiorato, alla ballerina tacco zero. Il modello è la star dei garden Arabella Lennox Boyle, l’eroina italiana trapiantata nel Regno Unito che con il suo lavoro ha reso glam anche il mondo dell’orto. Quindi i colori sono quelli del lampone, dell’uva, del basilico, mentre le cuciture di ispirazione maschile sono realizzate sul cuoio e suoi nuovi materiali high tech.

- Techno Romantico.
I colori pastello si definiscono in una palette di nuance ben precisa, su stampe e fiori infantili disegnati al computer. Pizzi e geometrie convivono con decolletè  3-5 cm con fondi geometrizzanti, mentre i sandali sono accollati ma aperti sul tallone con plateau alti. Materiali sintetici sono sinonimi di tecnologia e ricerca, e quindi via ai tocchi di lucido che sulle ballerine si uniscono alle basi in tessuto con forme voluminose  e croccanti. Anche i  colori sono dolci e tenui: rosa, garofano, girasole, germoglio, mimosa.

- South America & Fluo Feelings.
Un neo etnico, neo esotico, ispirato alla canzone “La Isla Bonita” di Madonna. Richiamando la moda Anni ’80 e lo stile tipico dell’America del Sud, il decoro si fa eccessivo con rilievi di cortecce, ghiaia, sabbia, conchiglie, amuleti, perline. Il texano alla caviglia di giorno si alterna al sandalo gioiello per la sera, caratterizzato dai colori intensi, come il blu notte. I materiali sono le nappe, il denim, la seta, il nabuk. Al posto dei cristalli Swarovski ci sono piccole pietre colorate e oggetti da santeria. Infine, la novità della moda estiva riguarderà il fluo declinato sul tradizionale tartan ma anche sui tessuti naturali e sugli inserti sintetici.

Una primavera-estate 2010 ricca di soluzioni, per ogni situazione e per ogni carattere, in cui Lei potrà essere comoda di camminare nel lusso e nell’eleganza.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 9 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.