Luxgallery > Tempo Libero > Eventi > Sagre autunno 2018: dallo zafferano al tartufo Centro Italia protagonista

Sagre autunno 2018: dallo zafferano al tartufo Centro Italia protagonista

Riprendiamo il nostro viaggio tra le migliaia di sagre italiane partendo dal Centro Italia: ecco quelle in programma nei prossimi giorni

Dallo zafferano al tartufo, senza dimenticare formaggi, salumi  e castagne il frutto di stagione per eccellenza. Le sagre d’autunno 2018 ci portano dall’Umbria alle Marche e poi di nuovo nel Lazio, per un viaggio nel gusto senza eguali dei prodotti tipici italiani. Partiamo da Città della Pieve, in Umbria con una delle nostre spezie più preziose e rare.

Zafferiamo, la festa dello zafferano a Città della Pieve

Da oggi venerdì 19 ottobre e fino a domenica 21 ottobre 2018 Città della Pieve (Perugia) si colora di rosso in onore della spezia più preziosa, lo zafferano. Quello tra Città della Pieve e lo zafferano, spezia antica e affascinante che nel cuore dell’Umbria ha trovato il suo habitat ideale, è un legame profondo e affascinante. Ottobre è il mese per eccellenza di quello che un tempo si chiamava “croco”, perché proprio in autunno inizia la raccolta dei fiori: e così per tre giorni la splendida cittadina in provincia di Perugia apre le sue porte per Zafferiamo. L’evento propone lo “Zafferano purissimo in fili di Città della Pieve” in tutte le sue sfaccettature. Per saperne di più consultare il portale web cittadino.

Un weekend tutto per “re tartufo” a Canterano

La sagra del tartufo di Canterano (Roma) non lascia, anzi raddoppia. Quest’anno, nel piccolo e grazioso borgo dell’Alta Valle dell’Aniene, l’evento dedicato al prezioso tubero ha aperto i battenti lo scorso 13 ottobre e proseguirà fino a domenica 21 ottobre. Gli stand gastronomici – aperti il sabato dalle 12 alle 22 e la domenica dalle 12 alle 17 – proporranno sapori e di profumi inconfondibili: quelli del tartufo nero pregiato e del tartufo scorzone, tutti rigorosamente locali e raccolti nei dintorni del paese, che esalteranno le bruschette, la pasta fatta in casa e le uova. Per saperne di più consultate questa pagina.

La “Fiera Cavalli” di Cantiano tra criniere al vento e deliziose ricette

Ottobre, i cavalli scendono dal monte. Un rito ancestrale si perpetua alle falde del Catria, un massiccio dell’Appennino Umbro-marchigiano dall’inconfondibile profilo gibboso cantato da Dante nel XXI canto del Paradiso. A Cantiano, in provincia di Pesaro-Urbino, per due fine settimana è di scena la storica “Fiera Cavalli”, una festa che ritempra lo spirito con l’atmosfera di spensieratezza e stupore che coinvolge grandi e piccini di fronte ad un magico mondo di criniere al vento, luminose livree e
trepidanti scalpitii. C’è tempo fino a domenica 21 ottobre per  visitare dunque l’accogliente borgo di Cantiano, e scoprire la magia del cavallo del Catria e i prodotti di questo territorio incontaminato. Cantiano, circondato da suggestive faggete, è Bandiera Arancione del Touring Club Italiano ma anche centro ad alto “impatto”
enogastronomico per la presenza di una grande varietà di rinomate prelibatezze, come l’amarena di Cantiano e il pane di Chiaserna, senza dimenticare la polenta alla carbonara, la birra del Catria, il tartufo ed i prodotti del bosco. Per saperne di più consultare CantianoTurismo, il portale turistico del paese.