26 gennaio 2015

Sag Awards 2015, vincitori e red carpet

Il trionfo di Birdman

Jennifer Aniston, Julia Roberts e Meryl Streep ai Sag Awards 2015

Boyhood versus Birdman.
Sembra proprio che saranno questi due capolavori a contendersi l’Oscar come miglior film dell’anno il prossimo 22 febbraio.

Se la pellicola indipendente di Richard Linklater ha trionfato ai Golden Globe, il film di Alejandro Gonzalez Inarritu ha conquistato il premio per il miglior cast alla 21esima edizione dei SAG Awards, riconoscimenti consegnati ogni anno dal sindacato degli attori ai propri colleghi.

Durante la serata, premiati anche Eddie Redmayne come miglior attore per il suo Stephen Hawking ne La Teoria del tutto, e Julianne Moore per la sua straordinaria interpretazione in Still Alice.

Boyhood, però, non è rimasto a mani vuote: il film ha conquistato il riconoscimento per miglior attrice non protagonista, assegnato a Patricia Arquette. Il corrispettivo maschile, invece, è andato -a sorpresa- a J.K.Simmons di Whiplash.

Come da tradizione, agli Screen Actors Guild Awards premiate anche le serie tv: se Downton Abbey ha trionfato nella categoria Drama, Orange is the new black ha sbangato tra le commedie, tra cui i favoriti Modern Family e Big Bang Theory.

Dopo quello dei People’s Choice Awards e i Golden Globe, e in attesa degli Oscar, anche il red carpet dei Sag Awards si è dimostrato pieno di glamour e charme.

Non poteva mancare sul tappeto rosso il nero, declinato in abiti da 10 e lode: dalla jumpsuit Givency Haute Couture portata magistralmente da Julia Roberts, al miniabito dal lungo strascico trasparente by Dior Couture scelto da Emma Stone passando per il raffinato Lanvin di Meryl Streep.

Il verde si conferma una degna alternativa al total black, sul quale hanno puntato, vincendo, Julianne Moore in Givenchy Haute Couture, Patricia Arquette in Vivienne Westwood Couture, e Claire Danes in Marc Jacobs.

Jennifer Aniston, ripropone un’altra scollatura vertiginosa dopo quella dei Critics’ Choice Awards, questa volta opera di Galliano, mentre Keira Knightley, al quarto mese di gravidanza, ha scelto un vestito viola di Erdem.

Tra le star più chic, Lupita Nyong’o con un magnifico abito della collezione Elie Saab Pre-Fall 2015 e Rosamund Pike impeccabile in un Dior Couture oversize.

Sul red carpet anche Naomi Watts e Felicity Jones, entrambe in Balenciaga, Julianna Margulies, avvolta in un abito blu di Giambattista Valli Haute Couture, Reese Witherspoon, con un monospalla di Giorgio Armani, Camila Alves, moglie di Matthew McConaughey, fasciata in un abito viola di Donna Karan Atelier, stessa griffe scelta dalla star di Modern Family Sofia Vergara.

Ecco tutti i premiati della serata:
MIGLIOR CAST: “Birdman”
MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA: Eddie Redmayne – “La teoria del tutto”
MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA: Julianne Moore – “Still Alice”
MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA: J.K. Simmons – “Whiplash”
MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: Patricia Arquette- “Boyhood”
MIGLIORE CAST DI STUNT: “Unbroken”
MIGLIOR CAST IN UNA SERIE TV DRAMMATICA: “Downton Abbey”
MIGLIOR CAST IN UNA SERIE TV COMICA: “Orange is the new black”
MIGLIOR ATTORE IN UNA SERIE TV DRAMMATICA: Kevin Spacey – “House of cards”
MIGLIOR ATTRICE IN UNA SERIE TV DRAMMATICA: Viola Davis – “Le regole del delitto perfetto”
MIGLIOR ATTORE IN UNA SERIE TV COMICA: William H. Macy – “Shameless”
MIGLIOR ATTRICE IN UNA SERIE TV COMICA: Uzo Aduba “Orange is the new black”
MIGLIOR ATTORE IN UN FILM TV E MINISERIE: Mark Ruffalo – “The normal heart”
MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM TV E MINISERIE: Frances McDormand – “Olive Kitteridge”
MIGLIOR CAST DI STUNT IN UNA SERIE TV: “Games of Thrones”

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.