Luxgallery > Viaggi e Vacanze > Mete > Cultura > Rubens a Milano, Palazzo Reale: la grande mostra dell’autunno meneghino

Rubens a Milano, Palazzo Reale: la grande mostra dell’autunno meneghino

"Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco", al Palazzo Reale sta per aprire al pubblico la grande mostra dell'autunno meneghino: dal 26 Ottobre al 26 Febbraio 2017, oltre 75 opere racconteranno del rapporto tra l'autore fiammingo e gli astisti italiani a lui coevi

Rubens-Milano-01

“Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco”, è questo il nome della grande mostra dell’autunno milanese: dal 26 Ottobre sino al 26 Febbraio 2016, infatti, il Piano Nobile del Palazzo Reale ospiterà una grande esposizione dedicata all’autore fiammingo e alla sua influenza nella nascita del Barocco. Poco conosciuto in Italia e spesso considerato solamente uno dei maggiori autori fiamminghi, Pietro Paolo Rubens è stato invece uno degli autori più importanti per lo sviluppo della produzione artistica italiana: lo storico e critico d’arte Bernard Berenson, infatti, era solito definirlo un “pittore italiano” visti i suoi evidenti rapporti con alcune città del Belpaese tra le quali Venezia, Mantova, Genova ma anche Roma.

Leit motiv della mostra “Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco” è proprio il rapporto tra Rubens e l’Italia: scopo dell’esposizione – patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo è promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e Civita Mostre – è quello di mettere in evidenza i rapporti di Rubens con l’arte antica e la statuaria classica ma anche la sua attenzione verso i grandi maestri del Rinascimento come Tintoretto, Correggio.

Obiettivo non secondario, inoltre, è quello di far conoscere la straordinaria influenza esercitata dal grande Maestro sugli artisti italiani più giovani e protagonisti del Barocco come Pietro da Cortona, Bernini, Lanfranco, fino a Luca Giordano: il percorso espositivo sarà quindi formato da un corpus di 75 opere, 40 delle quali firmate dall’autore fiammingo e provenienti dalle più grandi collezioni d’arte del mondo come quelle del Museo Nazionale del Prado, dell’Hermitage di San Pietroburgo, della Gemäldegalerie di Berlino e del Principe del Liechtenstein.

Foto: Pietro Paolo Rubens
La scoperta di Erittonio fanciullo
1615 – 1616
Olio su Tela
243,5 x 345,5 cm.
Vienna, Palazzo Liechtenstein – The Princely Collections