29 dicembre 2015

Proenza Schouler, moda donna primavera estate 2016

Il coraggio di costruire una collezione audace anche se sofisticata

Proenza Schouler, moda donna primavera estate 2016

Lazaro Hernandez e Jack McCollough hanno incantato New York in occasione della sfilata dedicata alla collezione moda donna primavera estate 2016 di Proenza Schouler.

Protagonista della settima giornata di New York Fashion Week la sfilata targata Proenza Schouler per la prossima estate 2016 è un susseguirsi di capi audaci.
I designer si sbizzarriscono e la sperimentazione nelle loro mani diventa un nuovo concetto di eleganza.

Hernandez e McCollough creano per Proenza Schouler una serie di outfit intesi nella costruzione, nel taglio e nell’assemblaggio. Niente è lasciato al caso e niente è moderato, anzi. Dalle lavorazioni alla scelta dei colori passando per gli accostamenti tutto è assoluto, moderno e coraggioso.

La primavera estate 2016 di Proenza Schouler non ama le mezze misure ma non rinuncia a essere sofisticata. In passerella salgono volants, spalle nude e mise passionali d’ispirazione latina.

Abiti, con gonne a corolla e spalle scese, bluse, giacche e pantaloni a pieghe Fortuny. Tutto è elaborato con giochi di volants, oblò, cut-outs, inserti a contrasto, fiocchi ma soprattutto ha proporzioni costruite in maniera certosina. Completano il lavoro texture sono scelte per esaltare la silhouette di chi le indossa.

La donna Proenza Schouler della prossima stagione è femminile e innovativa, in una parola unica.

Lazaro Hernandez e Jack McCollough - Proenza Schouler

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.