Luxgallery > Viaggi e Vacanze > Mete > Cultura > Prima alla Scala 2016, Milano celebra Giulio Ricordi con una statua del 1922

Prima alla Scala 2016, Milano celebra Giulio Ricordi con una statua del 1922

In occasione della Prima del Teatro alla Scala, la città Milano celebra Giulio Ricordi con una statua nella piazza su cui affacciava il suo ufficio

Giulio-Ricordi-Milano

A poco più di dieci giorni dalla Prima del Teatro alla Scala, la città di Milano celebra Giulio Ricordi con una statua posizionata nella piazza sulla quale un tempo affacciavano i suoi uffici e il suo negozio, in Largo Ghiringhelli.

“La Scala non è diventata grande solamente grazie ai compositori, ai cantanti, ai direttori d’orchestra, ma anche grazie agli editori. Per questo sono felicissimo oggi che si ricordi Giulio Ricordi” ha commentato Alexander Pereira, sovrintendente e direttore artistico del Teatro alla Scala, a pochi giorni della Prima che vedrà andare in scena la Madama Butterfly di Puccini. Ma chi era Giulio Ricordi?

Giulio Ricordi fu un uomo eclettico, amante dell’arte in ogni sua sfumatura. Spesso ricordato principalmente come editore musicale nonché estimatore di Puccini, nei suoi 71 anni di vita l’uomo è stato anche compositore sebbene sotto lo pseudonimo di Jules Burgmein. Non da meno fu il contributo dato a Milano, città della quale fu anche consigliere comunale; è proprio per questo che Giuseppe Sala – sindaco di Milano – ha ricordato Giulio Ricordi dicendo “Nel 1885 ci fu un famoso consiglio comunale in cui si dibatteva del fatto che l’aiuto economico alla Scala era eccessivo, un discorso che potrebbe essere molto attuale. Giulio Ricordi si era prodotto in una difesa della Scala dicendo che bisognava fare bene i conti, anticipava un po’ i tempi, perché in realtà il beneficio che la Scala porta a Milano vale più del contributo”.