Luxgallery > Arte e cultura > Librerie > Prada Journal, i vincitori della terza edizione

Prada Journal, i vincitori della terza edizione

I 4 racconti vincitori sono stati trasformati in spettacoli teatrali digitali

prada-journal-2015-vincitori-3-edizione_01

Mentre il mondo dell’editoria è in pieno fermento per il giallo del momento: chi si cela dietro Elena Ferrante? ecco che Prada ha reso noti i vincitori della terza edizione del Prada Journal, l’ormai tradizionale concorso letterario lanciato in collaborazione con Feltrinelli e volto a premiare gli scrittori in grado di raccontare il mondo con occhi nuovi.

Se a vincere il Prada Journal quest’anno sono stati i talentuosi Kei Matsushima (Dialogando con un’ombra), Flávio Vinicius Moreira Costa (Tenente Marcus), Billie Phillips (Non v’è più balsamo in Galaad) e Maria Laura Rodriguez (L’ora del lupo), che hanno avuto la meglio su oltre 2mila giovani provenienti da tutto il mondo, ecco che la vera novità di questa terza edizione è la trasformazione dalla parola scritta alla parola detta.

Fedele al suo spirito di innovazione, infatti Prada ha chiamato lo sceneggiatore americano Christopher Ciancimino per trasformare i racconti vincitori del Prada Journal 2015 in rappresentazioni teatrali di due minuti messe in scena poi in un innovativo teatro digitale.
Visitando il sito dedicato www.prada.com/journal si potrà diventare parte attiva di questa operazione di metamorfosi, partecipando alla creazione di una prospettiva unica su ogni rappresentazione cambiando il proprio punto di vista durante ogni interpretazione.

“La narrazione, filtrata attraverso il racconto scritto e gli occhiali da vista, evolve in una vera e propria esperienza editoriale tridimensionale”. Abbinato a questa terza edizione del Prada Journal, non manca naturalmente anche la nuova linea di occhiali da vista di Prada, sviluppati in collaborazione con Luxottica.

Strumento prescelto per guardare il mondo, gli occhiali di lusso by Prada sono la perfetta metafora del contest, nato certo per fare da talent scout di talenti letterari ma anche per diffondere un nuovo modo di vedere cose e persone che ci circondano, come suggerisce il tema portante del Prada Journal “Luci, ombre e miraggi. Non sempre cose e persone sono come le vediamo”.

A decretare i vincitori della terza edizione del Prada Journal è stata una giuria composta da Carlo Feltrinelli, A.M. Homes, Craig Mod e il regista premio Oscar Gabriele Salvatores.

Prada Journal 2015, i vincitori della terza edizione