28 maggio 2012

Poznan

Le mete di Uefa Euro 2012

Poznan

Proseguiamo il nostro viaggio tra le città che ospiteranno i prossimi Campionati europei di calcio facendo tappa a Poznan, che insieme a Danzica vedrà in campo la nazionale italiana nel corso della fase a gironi.

La città è una delle più antiche della Polonia e deve la sua fortuna al fiume Warta, che attraversandola ne ha fatto un importante snodo commerciale.

Per visitarla il punto di partenza ideale e la magnifica Stary Rynek, piazza del mercato risalente al 1253 e da allora divenuta il centro di gravità di Poznan.

Qui, accanto a una fila di edifici coloratissimi, si trova il Municipio, opera rinascimentale dell’architetto svizzero Giovanni Battista di Quadro, che ha sulla torre di un orologio davvero curioso. Allo scoccare del mezzogiorno si aprono due porticine dalle quali escono due capre di metallo che si scambiano dodici cornate.

A circa un chilometro dalla piazza sorge la zona più antica della città, nota come Ostrów Tumski, dov’è possibile trovare la Cattedrale, risalente addirittura al 968. Al suo interno, in particolare nella Cappella d’Oro in stile bizantino, riposano i primi due re di Polonia.

Poznan è una dei centri culturalmente più vivaci del paese, e vi si svolgono ogni anno importanti eventi musicali e teatrali, molti dei quali ospitati dal Teatro dell’Opera. Tra questi spicca il Maltafestival, che nel mese di luglio coinvolge l’intera città, con artisti appartenenti alle più diverse discipline che si esibiscono un po’ ovunque.

Da visitare anche la zona del Lago Maltańskie, più comunemente nota come Malta, dov’è possibile svolgere diverse attività all’aria aperta, tra le quali sciare su una pista aperta tutto l’anno. Da queste parti si trovano anche le terme, una sicura attrazione per chi si vuole rilassare un po’ scegliendo tra le varie piscine e i tanti trattamenti di bellezza.

Per fare invece un po’ di sano shopping potete fare un giro tra le vie del centro, dove troverete diverse boutique multibrand, un monomarca Moschino e uno Burberry, o recarvi in uno dei grandi shopping mall.

Lo Stary Browar è molto apprezzato, non solo perché vi si possono trovare grandi firme come Armani e Furla, ma anche per la struttura in se, che insieme ai negozi ospita una galleria d’arte e che ha ricevuto negli anni diversi riconoscimenti per il particolare design che la caratterizza.

Per soggiornare a Poznan, uno dei resort di lusso più indicati è certamente l’IBB Andersia, situato a pochi passi dal centro.

L’hotel e le sue camere sono caratterizzate da un design moderno e dotazioni tecnologiche di alto livello, e mette a disposizione dei propri ospiti un raffinato centro benessere di lusso. Al piano terra si trova il ristorante Mosaica, uno dei locali emergenti in città, che in un ambiente futuristico propone una cucina internazionale molto curata, con molti piatti di ispirazione asiatica.

Molto bello anche il City Park Hotel & Residence, la cui struttura è stata progettata e realizzata recuperando una costruzione del XIX secolo seguendo un concept unico che tende ad armonizzare i diversi spazi che la compongono.

Teatro dell'opera di Poznan

Rientrano in questa logica anche il ristorante dell’hotel, il Cucina 88, dove potrete gustare i piatti della tradizione cittadina e il Whisky Bar 88, che tiene fede al proprio nome grazie a una cantina fornita di 365 diversi whisky.

Tra i ristoranti di Poznan la vera istituzione è il Bazanciarnia, un locale chic caratterizzato da una proposta culinaria estremamente raffinata, dove sono assolutamente da provare i piatti a base di anatra, di fagiano, e il gelato artigianale.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 9 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.