14 marzo 2016

Pop Art giapponese alla Deodato Arte di Milano

La mostra della settimana

Tomoko Nagao alla Deodato Arte di Milano

L’arte giapponese, sempre di più, trova terreno fertile nel mondo della moda occidentale come dimostra la felice collaborazione tra il maestro del Superflat style Takashi Murakami e una maison di lusso come Louis Vuitton.

Ora i Manga sono pronti a conquistare anche l’Italia dopo aver raccolto proseliti a go go sulla West Coast degli Stati Uniti.

La prestigiosa galleria Deodato Arte, in via Pisacane 36 a Milano, ospita fino al 31 marzo 2016 una mostra che mette sotto i riflettori le opere di quattro artisti chiave della Pop Art giapponese: Tomoko Nagao, Hiroyuki Takahashi, Hikari Shimoda e Hitomi Maehashi.

Giovedì scorso Luxgallery ha partecipato al vernissage di “Japan Pop – EdoPop e nipposuggestioni” e si è fatta raccontare quali sono le tendenze artistiche dei quattro Andy Warhol del Sol Levante.

La mostra curata da Christian Gangitano spazia dalle rivisitazioni di opere classiche in chiave pop firmate da Tomoko Nagao – una su tutte La nascita di Venere del Botticelli prossimamente in mostra al Victoria & Albert Museum di Londra nella versione The Birth of Venus with baci – alle ragazze di ispirazione Manga di Hiroyuki Takahashi, dai ritratti di bambini di Hikari Shimoda in cui gli occhi raccontano elementi di tenerezza e di orrore, alle originali pitture digitali su fotografia di Hitomi Maehashi.

La Pop Art giapponese della Deodato Arte sarà protagonista anche all’Affordable Art Fair di Milano (17-20 marzo) e all’Asia Contemporary Art Show di Hong Kong (24-27 marzo).

www.deodato.com

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.