16 gennaio 2015

Pitti Uomo 87, trend inverno 2015

Il meglio della moda uomo visto a Pitti e selezionato da Luxgallery

Pitti Uomo 87, trend inverno 2015

Pitti Uomo 87, la kermesse che ha presentato in questi giorni il meglio della moda uomo per l’autunno inverno 2015-2016, chiuderà i battenti fra poche ore.

Domani mattina prenderà, infatti, il via la Milano Fashion Week con tante e attesissime sfilate e presentazioni. Nel frattempo noi di Luxgallery abbiamo selezionato 20 must have del prossimo inverno 2015 tra le tantissime proposte di Pitti Uomo 87.

Partiamo dai total look di Roy Roger’s, Massimo Rebecchi e Circle of Gentlemen, passando per le giacche di Tombolini, Aquarama, Wooster+Lardini e le camicie firmate Eton.

Se il tema di questa edizione di Pitti era walkabout, un inno alla vita sana e all’aria aperta, immancabile la polo hi-tech di La Martina for Maserati, le sneakers nate dalla collaborazione di Patrick Cox per Geox, i jeans haute couture di Re-Hash, i giacconi Museum e Herno fino al borsone da weekend firmato Pomikaki.

Completano la nostra selezione delle migliori proposte moda uomo per l’inverno 2015 viste a Pitti Uomo 87, i pantaloni Jaggy e tra i capispalla la mantella sartoriale Tardia e il giaccone Nobis, al suo debutto a Firenze.
Infine, un occhio agli accessori must have, dal cappello Borsalino alle calze Bresciani realizzate con uno speciale finissaggio a base di champagne, dalle borse per l’ufficio Serapian alle eleganti e iconiche francesine a.testoni.

Total Look
- Lo stile casual ma raffinato a Pitti Uomo 87 è stato raccontato da Roy Roger’s che unisce nei suoi outfit tecnologia, leggerezza e funzionalità.
Modelli e tessuti sportivi si elevano grazie a trattamenti innovativi. Il risultato sono capi portabili e facili ma mai banali.

- Massimo Rebecchi porta a Pitti Uomo 87 il suo Tecno D@ndy col fazzoletto nel taschino per l’autunno inverno 2015-2016.
L’uomo di Rebecchi indossa capi dall’estetica retrò ma dall’anima tecnologica.
Così, i quadrettati, i finestrati e i check della sartoria inglese, da gentil uomo di campagna inglese, si ritrovano in giacche tuxedo con rever neri. E se i tessuti tipici da tappezzeria finiscono nei risvolti dei pantaloni, i twill della cravatteria profilano il sotto collo della giacca, il taschino interno del blazer e le rifiniture nascoste nei capi spalla.

- Circle of Gentlemen racconta il nuovo modo di intendere l’eleganza metropolitana, pensando alla moda certo ma soprattutto allo stole che ha a che fare con la personalità dei capi e di chi li indossa. Ad ispirare è la campagna inglese reinterpretata in chiave contemporanea e con un sorprendente guizzo di originalità.

Giacche
- E’ il diamante a ispirare la collezione Tombolini per il prossimo inverno 2015. Gemma della solidità e della perfezione, fonte di lucentezza e di colori riflessi si traduce in capi dal mood garbato e senza eccesso, espressione di contemporaneità e tradizione.
Pitti è stata l’occasione per lanciare un’inedita Capsule Luxury Collection che celebra i 50 anni di storia della maison, interpretando l’identità più autentica di Tombolini.

- Aquarama pensa a chi non rinuncia a dare al proprio look un tocco unico e personale, e per l’autunno inverno 2015-2016 colora le sue iconiche giacche di fantasie inedite. Tra queste spicca senz’altro l’uva, tema perfetto per la stagione autunnale, stampata su fustagno in cotone.

- Wooster+Lardini puntano sulla ricercatezza e a Pitti Uomo 87 portano capi che rendono omaggio all’heritage del brand Lardini, padronanza del taglio, ricerca dei tessuti, sagome lineari, senza dimenticare l’approccio eclettico che caratterizza lo stile Wooster.
A riassumere il mood dell’intera collezione le giacche dai disegni patchwork nelle giacche e dalle finitura precise e classiche. Caratterizzare dal revers a lancia hanno la forma del bavero e le alette sulle tasche leggermente esagerate oltre alla spalla raglan elemento proprio dell’universo sartoriale ma anche richiamo al mondo femminile senza perdere il proprio vigore mascolino.

Camicia
- La maison di camiceria svedese Eton porta a Firenze una collezione autunno inverno 2015-2016 dal design unico e dall’alta qualità. Ispirate alla natura incontaminata, le camicie Eton raccontano un nuovo modo di rendere confortevole l’eleganza spiccatamente urbana attraverso l’uso di tessuti che prevedono i migliori filati disponibili e dalle performance straordinarie.

Polo
- Se si parla di capi dedicati alla vita all’aria aperta non potrete mai più fare a meno della polo presentata a Pitti Uomo 87 e nata dalla ormai consolidata collaborazione tra Maserati e La Martina. La Polo-Duvet La Martina for Maserati è un innovativo capo creato per l’inverno che richiama fedelmente la modellistica della polo. A caratterizzarla però è il materiale scelto per realizzarla ovvero 100 gr di morbida trapunta outdoor “cashmere insulate” capace di protegge dal freddo mantenendo la comodità e la leggerezza che da sempre caratterizzano questo capo.

Pantaloni
- Jaggy arriva a Pitti con un’idea divertente e provocatoria. Pensata per un uomo contemporaneo, cool e ricercato ecco che il brand di pantaloni reinterpreta i suoi capi icona abbinandoli con papillon o cravatta in tinta. Cinque tasche o chino, i modelli, realizzati in un tessuto jacquard tono su tono e in una fantasia sovratinta dalla trama nera, sono realizzati in vestibilità extraslim e slim.

- Re-Hash e la capsule collection Denim Precious riscrivono invece il concetto di Jeans.
Si tratta di pantaloni taylor made dalle performance qualitative di altissimo livello e dallo styling contemporaneo.
Ogni modello è il risultato di ricerca e sviluppo di materiali, trattamenti e finishing sempre più avanzati. I capi vengono proposti e realizzati con tele stretch e super stretch, in misto lana o cachemire per ottenere una mano più calda, o ancora con fiammature e lavorazioni interne a tinto filo che richiamano le tele giapponesi.

Capispalla
- Museum, perfettamente in linea con il tema proposto da Pitti Uomo 87, “walkabout”, propone una collezione autunno inverno 2015-2016 composta da capi comodi, eleganti e versatili, studiati per la vita all’aria aperta. A caratterizzare le proposte una cura al design ma anche e soprattutto ai materiali utilizzati.
Tra i capi simbolo della collezione Arabba della linea Antartica. Nel suo tessuto polytech si candida ad essere in must se state cercando una giacca calda e sportive per il look di ogni giorno.

- Parlando di piumini, immancabile la proposta Herno. Parola chiave della collezione per il prossimo inverno è leggerezza ed ecco che il classico bomber di piuma diventa ancora più performante. A caratterizzarlo l’uso del nylon più leggero al mondo, solo sette denari e l’imbottitura realizzata con perfetto mix di piume, finissima piuma d’oca 95/5 a cui si è aggiunta la piuma tecnica Primaloft – che rende il capo anche waterproof.

- La mantella a doppio petto on rever a lancia di Tardia è uno dei capi più iconici della collezione presentata a Pitti omaggio all’architetto Joe Colombo, alla sua inseparabile pipa. Un dettaglio di stile unico ispirato al tradizionale country-look delle campagne inglesi e manifesto all’arte della sartorialità.

- Ideale per chi vuole un capospalla versatile e pratico ma dal design lineare ideale per una quotidianità metropolitana, ecco che la soluzione arriva da Nobis, al suo debutto a Pitti Uomo 87. Brand canadese molto amato dalle celebrità internazionali è sinonimo di outerwear di alta qualità.

Scarpe
- Lo stilista inglese di origini canadesi Patrick Cox ha realizzato per Geox una capsule collection per l’autunno inverno 2015-2016. La tecnologia avanzata di Geox incontra così la moda contemporanea attraverso una serie di modelli dal forte appeal urbano, progettati per unire comfort e tendenza attraverso materiali esclusivi, dettagli sofisticati e silhouette estremamente attuali.

- a.testoni che per l’inverno 2015 compie un vero e proprio esercizio di stile unendo artigianalità, innovazione e avanguardia.
L’icona di stile di a.testoni, la francesina M11559 della linea Black Label, diviene metallizzata. Il vitello spazzolato e anticato a mano rivela dei tocchi di luce inaspettati. Un gioco di sfumature che caratterizza anche il tronchetto allacciato dalla linea pulita e definita dal rincorrersi dei dettagli filettone. Il risultato è un look urbano, deciso e contemporaneo.

Accessori
- Bresciani riscalda con eleganza il freddo inverno grazie a una collezione di calze in cachemire e seta che uniscono, in vista di Expo 2015, tatto, vista e gusto. A caratterizzate le calze Bubble Up lo champagne come materia prima del finissaggio. A ricordare questa nuova frontiera, sul gambaletto, discretissime bollicine disegnate tono su tono, salgono in un bubble up intono all’elastico.

- Borsalino porta all’87esima edizione di Pitti una collezione autunno inverno 2015-2016 che riprende tecniche di lavorazione usate in passato, ispirandosi per questa stagione agli anni ’70.

- Lusso, comfort e qualità nelle proposte di Serapian per il businessman contemporaneo. Cartelle e borse per l’ufficio diventano un must have di stile grazie a linee pulite e materiali pregiati rigorosamente made in Italy.

- Il borsone da weekend è firmato Pomikaki. Forme lineari e pulite, colori classici e per questo indiscutibilmente eleganti per dare un un tocco glamour/chic al proprio tempo libero.
In resistente e pregiato saffiano ecologico, impreziosito dalla caratteristica banda personalizzata PMK, questo borsone è proposti nelle tonalità del sottobosco autunnale: dal rosso al mattone, dal nero al verde cupo, fino al blu intenso.

Guarda nella gallery le migliori proposte della moda uomo per l’inverno 2015 selezionate a Pitti Uomo 87 da Luxgallery.

Pitti Uomo 87, trend inverno 2015

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.