6 aprile 2011

Paul Bocuse, Chef del Secolo

Secondo il Culinary Institute of America

Paul Bocuse è stato eletto “Chef del Secolo”, ritenuto il padre della novelle cuisine, ha infatti dato vita ad un nuovo modo di cucinare, fatto di sperimentazioni e di una particolare attenzione per la presentazione dei piatti, oltre che alla scelta degli ingredienti

L’istituto gastronomico Culinary Institute of America (CIA) ha insignito il pluristellato Chef Paul Bocuse del titolo di “Chef del Secolo“.
Alla consegna del prestigioso riconoscimento, svoltasi a New York, Tim Ryan, presidente del CIA, ha dichiarato “Paul Bocuse è uno dei più grandi cuochi di tutti i tempi. E’ lui che ha fatto uscire gli chef dall’anonimato della loro cucina diventando star dell’epoca moderna”.

L’85enne cuoco francese, nato a Collonges-au-Mont-d’Or, nell’est della Francia, è il proprietario del famosissimo ristorante l’Auberge di Lione, tre stelle Michelin dal 1965.

Ritenuto il padre della novelle cuisine è stato infatti il capostipite, negli anni 60 e ’70, di un nuovo modo di intendere la cucina, fatta di nuove sperimentazioni e di una particolare attenzione per la presentazione dei piatti e la scelta degli ingredienti.

Non bisogna mai dimenticare i prodotti di qualità – ha dichiarato Paul Bocusese non c’é il buon ingrediente non ci può essere una buona cucina”. Continuando “non ci sono grandi o piccole cucine. C’é solo la buona cucina”.

Sulla mozione del premio come miglior chef del XX secolo si legge “per aver trasformato il cibo e la vita delle persone per cui ha cucinato“.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.