8 novembre 2010

Park Hyatt New York

Nuovo hotel di lusso

Park Hyatt New York

Se avete intenzione di programmare un soggiorno a New York e non avete fretta, aspettate ancora un anno per essere sicuri di trascorrere una vacanza all’insegna del lusso.

L’Hyatt Hotels Corporation in collaborazione con Extell Development Corporation, ha annunciato grandi novità per il nuovo Park Hyatt New York, che diventerà l’hotel di punta dell’intera catena, quando finalmente aprirà i battenti nel 2012.

L’albergo di nuova costruzione è stato interamente progettato dall’architetto di fama mondiale nonchè vincitore del prestigioso premio Pritzker, Christian de Portzamparc.

L’hotel sarà situato sulla centralissima 157 West 57th Street tra Avenue of the Americas e Seventh Avenue, direttamente di fronte alla Carnegie Hall, uno dei luoghi più importanti della musica classica e leggera a livello mondiale.

90 piani occupati da 210 camere extra lusso e da 135 appartamenti esclusivi progettati da Thomas-Juul Hansen con una vista mozzafiato su Central Park; e poi, un bar, un ristorante e 5000 metri quadri pronti ad ospitare le boutique più prestigiose, nonché una sala riunioni con una grande sala da ballo, spazi per eventi, una spa, un centro fitness e una piscina coperta in un area dedicata che occupa i tre piani in cima l’hotel.

Tutto ciò nato dalla vena creativa dello studio di progettazione d’interni statunitense Yabu Pushelberg.

Ben dodici hotel Park Hyatt sono in fase di sviluppo il che significa, che una volta completati, nel corso dei prossimi anni, salirà a 38 il numero degli albergi della catena in tutto il mondo.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.