12 gennaio 2016

Pallone d’Oro 2015, Messi sceglie Armani

Campione sul campo e di stile

Pallone d’Oro 2015, Messi sceglie Armani

Inizio 2016 da incorniciare per Leo Messi.

Messo in bacheca il Globe Soccer Awards 2015, il campione argentino ieri sera a Zurigo ha ritirato dalle mani di Kakà, il Pallone d’oro 2015, premio assegnato dal 1956 dalla rivista sportiva francese France Football al giocatore che più si è distinto negli ultimi 12 mesi.

Una vittoria che era nell’aria dal 6 gennaio quando un giornalista olandese ha messo in rete lo screenshot della pagina web della Fifa in cui è apparso per qualche minuto l’elenco degli ultimi 8 vincitori del Pallone d’oro: l’albo d’oro del Ballon d’Or ha pubblicato come vincitore del 2015 proprio Lionel Messi.

L’anticipazione non si è rivelata esatta invece per le quote rose: la migliore giocatrice donna non è Célia Šašić ma Carli Lloyd.

Per ritirare la quinta statuetta iridata della sua carriera, la Pulce ha scelto di indossare uno smoking nero di lana e cashmere con revers in satin griffato Giorgio Armani. Un look elegante ma sobrio che ben si sposa con la sua discrezione e riservatezza.

Messi in Armani

La mise che ha fatto più scalpore è stata invece quella di Pogba, uno dei magnifici 11 presenti alla serata, che ha sfoggiato un’eccentrica giacca confezionata da Dolce&Gabbana, la maison che ha vestito Messi nelle scorse cerimonie di premiazione del Pallone d’oro.

Pgba in Dolce&Gabbana e Messi in Armani

Al secondo posto l’eterno rivale, Cristiano Ronaldo, impeccabile con uno smoking dal taglio classico.

Al terzo, il compagno di squadra Neymar Jr immortalato all’evento con uno speciale smoking blu navy in tessuto jacquard con gilet e revers di velluto a contrasto completato da cappello e scarpe della collezione Giorgio Armani.

Neymar in Armani

Ieri è stato messo al voto anche il miglior gol segnato tra il 27 settembre 2014 e il 23 settembre 2015. Il fantasista colombiano James Rodriguez, autore di un’acrobatica rovesciata che gli valse il Fifa Puskás Award 2014, ha passato il testimone a Wendell Lira.

Nella stessa cerimonia è stato assegnato il premio al miglior allenatore dell’anno: battendo la concorrenza di Sampaoli e Pep Guardiola, il titolo è andato a Luis Enrique, l’allenatore del Barcellona che ha guidato la squadra al Triplete aggiudicandosi Liga, Coppa del Re, Champions League, Supercoppa europea e Mondiale per Club.

© PBB S.r.l. 2009 - P.I. 04790700969 - Codice Fiscale/P.IVA/Reg. Impr. CCIAA Milano: 04790700969 - Cap. Soc. €20.000,00 i.v. - REA CCIAA MI 1773162
Sede Legale: Via Brunetti 7 - 20156 Milano - Sede Operativa: via Brunetti, 7 - 20156 Milano
Tutti i diritti sono riservati. luxgallery.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.
Luxgallery è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Milano al n° 886 del 22 novembre 2005.